Home » Benessere » Morire per colpa dei piccioni. Avvelenata una donna

Morire per colpa dei piccioni. Avvelenata una donna

E’ arrivata all’ospedale di Monza in gravi condizioni, con sintomi simili a quelli della sorella minore. Così una donna di 62 anni di Desio, e la sorella di 58, al rientro da una intera estate trascorsa in Friuli hanno cominciato a sentirsi male senza alcun motivo apparente. Dolori addominali, vomito, diarrea inizialmente erano stati trattati come una influenza stagionale anche perché la sorella minore era guarita quasi subito. Ma la sessantaduenne, invece, si è aggravata.

Un veleno dagli escrementi di piccione

La morte è sopraggiunta per arresto cardio-respiratorio dopo l’ennesima crisi e solo dopo le analisi del caso si è capito che i sintomi erano stati causati non da un batterio estivo ma da “intossicazione da tallio”. Il tallio è una sostanza metallica che si trova in alcuni tipi di trappole per topi, in certi pesticidi e in gran quantità negli escrementi di piccione che, quando si essiccano, si polverizzano e possono essere inalati dall’uomo. Si è scoperto che, in effetti, il fienile della fattoria che le sorelle possedevano in Friuli era pieno di escrementi di piccione secchi, dato che nei lunghi mesi invernali quel luogo diventa rifugio di decine di questi uccelli.

Un problema di igiene serio

Le donne forse hanno trascorso troppo tempo in quel fienile, questa estate, e il caldo e il vento hanno fatto il resto. Hanno inalato per troppi mesi quelle polverine tossiche che le hanno avvelenate lentamente. In base all’esposizione al tallio e alla resistenza dell’organismo, le due sorelle hanno avuto reazioni diverse. Per la maggiore c’è stato poco da fare. Prima è sopraggiunto il coma e poi il decesso in pochi giorni. Ora si riflette seriamente sul problema dei piccioni, che infestano città, monumenti, campanili e anche case private. Di fatto sono onnivori e vivono in spazi ristretti, spesso deponendo le uova sugli scheletri dei piccioni più anziani in condizioni igieniche assurde.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Vince la leucemia e … viene licenziato!

Non è da tutti, vincere la leucemia. Un uomo di 57 anni di Torino, però, ...

Condividi con un amico