Home » Benessere » Cosa sono i “batteri mangiacarne”

Cosa sono i “batteri mangiacarne”

La fascite necrotizzante è una bruttissima malattia batterica, causata da micro organismi che attaccano il tessuto connettivo (fascia) causando infiammazioni, bolle e morte cellulare. Il tessuto marcisce letteralmente e, a seconda di dove ciò avviene, causa l’amputazione della parte malata o la morte. In gergo semplice li chiamano “batteri mangiacarne”, il che fa anche venire i brividi, ma è l’immagine che più si avvicina all’effetto che danno sul corpo.

Si salva dall’uragano e muore “mangiata viva”

Come è avvenuto negli Stati Uniti la settimana scorsa. A morire di questa atroce malattia una donna di 77 anni,  Nancy Reed, ex maestra elementare, che aveva avuto l’immensa fortuna di salvarsi dall’uragano Harvey. Ne era uscita con “soltanto un braccio rotto” e alla sua età era davvero un miracolo. Non si era accorta, però, che la morte stava entrando proprio da quella ferita data dalla frattura esposta. Nuotando nel fango per salvarsi, aveva incamerato nella ferita proprio quei batteri, che sono tipici delle acque inquinate. Il danno non si era visto subito, ma dopo alcuni giorni la donna ha cominciato a star male. La ferita al braccio non solo non guariva ma peggiorava. 

Un altro uomo salvo per miracolo

A ciò si aggiungeva una strana febbre, dolori, stato comatoso ….il ricovero in ospedale ha evidenziato una infezione generale, diffusa a tutti gli organi, con moltissimi tessuti già in necrosi. Non c’è stato nulla da fare per la donna, che è morta -anche lei- per colpa dell’uragano, anche se in modo indiretto. Di fascite necrotizzante si hanno anche altri casi, nella storia medica, e quasi sempre tra persone venute a contatto con acque sporche o inquinate. Nello stesso giorno dell’uragano, e nella stessa zona della signora Nancy anche un vigile del fuoco ha subito l’infezione dell’acqua sporca sulla pelle lacerata dal morso di un insetto. L’uomo è vivo solo perché ha avuto la fortuna di recarsi in ospedale prima e di capire per tempo i sintomi della necrosi. 

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Per combattere i batteri … cambiate le lenzuola!

L’Università di New York ci mette in guardia. Il modo migliore per combattere i batteri ...

Condividi con un amico