Home » Benessere » Infiammazione intestinale: ecco come affrontarla

Infiammazione intestinale: ecco come affrontarla

Il nome può variare: infiammazione intestinale, irritazione intestinale, colon irritabile, colite … Nella sostanza però si tratta dello stesso disturbo, quello che colpisce il 72% delle donne e solo in minima parte gli uomini, e soprattutto un disturbo che è un circolo vizioso legato al nervosismo e allo stress, oltre che all’alimentazione. Bisogna trattarlo come si deve, sia per evitare che peggiori sia per capire se è causato da problemi temporanei o da vere allergie.

Nutrire bene l’intestino

Di solito si manifesta con bruciori costanti al basso ventre, a volte dolori e crampi, con il bisogno di andare spesso in bagno e con l’intolleranza ad alcuni alimenti. Per curarlo, oltre che con l’approccio medico (farmaci anti diarroici oppure nel caso opposto anti stipsi) , si deve e si può intervenire in modo diretto sull’alimentazione. Aumentare il consumo di fibre, dunque di vegetali, di cereali, ma anche di fermenti lattici. Aumentare il consumo giornaliero di liquidi che non siano gassati e alcolici, dunque tisane, acqua naturale, succhi di frutta. Ottimi anche le patate, le zucche, cavoli e olio.

Evitare alcol e stress

I cibi da evitare, per lo meno nella prima fase ma anche dopo, nel mantenimento della salute intestinale, salumi, carni conservate, formaggi, uova, cibi piccanti, bevande alcoliche e gassate. L’irritazione intestinale è un disturbo che si cura nel tempo, richiede pazienza e soprattutto molto POCO stress. Spesso è l’alterazione nervosa che lo scatena, quindi si dovrebbe -durante il trattamento- allentare qualsiasi fonte di nervosismo, diminuire il carico lavorativo oppure trovare un’ora al giorno di totale relax per distrarsi dai pensieri quotidiani. Da questo punto di vista palestra e piscina fanno benissimo, non tanto per il movimento fisico quanto per farlo lontano da casa e dai luoghi di lavoro.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Cenone di Natale: attenzione ai cibi a rischio allergie

Dalla frutta secca ed esotica, ai crostacei, ai pesci, dai dolci ai molluschi, sulle tavole ...

Condividi con un amico