Home » Benessere » Fumo: ecco perché smettere è difficile

Fumo: ecco perché smettere è difficile

“Smetto quando voglio”, la frase più usata e abusata da chi è intrappolato in un vizio. L’abbiamo sentita dire spesso, soprattutto dai fumatori, che in Italia sono oltre 11 milioni. E se pensate che a loro piaccia vi sbagliate. Sanno benissimo di essere in pericolo, ogni volta che accendono una sigaretta, ma non riescono proprio a smettere. Ci ha provato, secondo i dati, il 65%  di loro ma senza successo. In effetti, per chi non ha una grande forza interiore, smettere di fumare è un cammino lungo, da fare con l’aiuto di medici specialisti ma solo lo 0,1% dei fumatori chiede veramente aiuto.

Rinunciare a un rito importante

E dire che fumare costa milioni di euro. Non solo per le nostre tasche (il costo delle sigarette aumenta sempre più) ma anche per lo Stato, che spende in cure mediche davvero una fortuna e spesso senza successo dato che ci sono 70.000 morti l’anno dovuti al fumo. A Roma si è discusso di come agire praticamente in un convegno: “Un futuro senza sigarette. La riduzione del danno tra consapevolezza e informazione” e si sono analizzate le cause del perché smettere è così difficile. Si tratta prima di tutto di un problema psicologico. La sigaretta è un “rito”. Quei gesti, quelle pause … sono l’intervallo che aiuta il cervello a staccare la spina e a non sovraccaricarsi. Molti ex fumatori ripetono i gesti che facevano quando fumavano, anche senza sigaretta, a conferma di ciò.

Cambiare rito può essere la soluzione

Per questo per smettere occorre un aiuto serio. La supervisione di uno psicanalista, l’aiuto di ex fumatori, ma anche i mezzi nuovi che abbiamo a disposizione. La sigaretta elettronica, ad esempio, può essere uno di questi. Conserva tutta la ritualità del fumo, ma ci fa respirare soltanto vapore acqueo, senza danni per polmoni e circolazione. E’ vero che non tutti quelli che passano alle “e-cig” alla fine smettono, ma sicuramente limitano i danni e tuttavia i numeri delle persone che sono riuscite a togliersi il vizio, grazie alle sigarette elettroniche, resta molto alto. Bisogna dunque riconoscere il problema, riconoscere la ritualità e sostituirla con altri “riti” meno pericolosi. E’ la sola scappatoia per vivere a lungo, anche da ex fumatori.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ecco perché la dieta previene il cancro

Fare la dieta? Sì, non è solo una questione di estetica o di fissazione femminile, ...

Condividi con un amico