Home » Benessere » Vuoi dimagrire? Bevi té nero

Vuoi dimagrire? Bevi té nero

Un altro utile metodo naturale per dimagrire è il té nero. Come mai questo infuso avrebbe più effetti del té normale o del té verde o di una qualsiasi dieta naturale? La Univeristy of California Los Angeles ha condotto una ricerca che avrebbe messo in evidenza l’effetto di questa bevanda soprattutto sulla flora intestinale e sui batteri che la popolano.

Polifenoli che accelerano il metabolismo

Il té nero -ma un poco anche quello verde- agiscono in particolare sui batteri che con la loro azione regolano la massa corporea. Frenano quelli che assimilano troppi grassi e accelerano il metabolismo di quelli che ci aiutano a digerire, accelerando il processo con cui bruciamo le calorie, anche senza fare esercizio fisico. Con questo non significa che basta bere una tazza di té nero al giorno per ritrovarsi in linea, ovviamente vale sempre la sana alimentazione e lo sport quotidiano, ma questo té sicuramente dà una mano al corpo in questo lavoro di mantenimento della forma. I test condotti su topi da laboratorio hanno evidenziato che in un mese il peso dei topi alla cui dieta era stato aggiunto té nero era diminuito. In contemporanea nel loro intestino aumentava la presenza del batterio Lachnospiraceae, Pseudobutyrivibrio, attivissimo sulla massa corporea. Ma gli stessi polifenoli che danno questo potere al té nero si possono trovare, come detto, nel té verde e anche in altri cibi come: rosmarino,  broccolo, uva, molti tipi di verdura e perfino nel cacao! Come tutte le buone cose, però, non va abusato. Troppo té nero scatena reazioni negative e irritanti nel corpo, a livello cardiaco e anche nell’intestino stesso. Dunque, gusto ma con moderazione.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Mente e corpo: vive più a lungo chi ha “carattere”

TESTARDI E DETERMINATI, ecco come sono i soggetti che campano cent’anni! Lo rivela uno studio ...

Condividi con un amico