Home » Benessere » Livelli Essenziali di Assistenza “sconosciuti” in 5 regioni

Livelli Essenziali di Assistenza “sconosciuti” in 5 regioni

Cinque regioni italiane, pur avendo recepito i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria) non li applicano o li applicano poco e male. Bocciate su tutta la linea Sicilia, Molise, Puglia, Calabria e Campania che restano indietro mentre le altre regioni italiane vanno avanti e alcune addirittura migliorano le condizioni di assistenza ai propri malati. I LEA nascono per dare un aiuto (anche economico) ai cittadini ma pure per aiutare le strutture a gestire le cure.

Dal 2015 in calo

Precisiamo che i dati che bocciano queste regioni riguardano ancora il 2015, perché quelli degli ultimi due anni non sono ancora stati valutati e forse porteranno miglioramenti. Ma se si confrontano le stesse regioni nel 2013 e nel 2015 si vede che in tre anni c’è stato un calo, invece che un miglioramento. La Sicilia, nel 2013 aveva un livello di adempienza per l’assistenza di 165 punti su 170. Nel 2015 aveva perso quasi 20 punti tutti in una volta. Oggi la tendenza sembra ancora in calo ma si capirà di più una volta avuti sotto mano i dati del 2016-2017.

Vaccini, disabili e ricoveri inutili

Il calo drastico, manco a dirlo, è attribuibile a profilassi sui vaccini e sulle malattie esantematiche. Ma in questi cali rientrano anche l’assistenza veterinaria (privata e per gli allevamenti), le residenze per gli anziani, l’assistenza ai disabili, l’eccessiva ospedalizzazione. In Sicilia, in particolare, si riscontra il più alto numero di ospedalizzazione “inutile” per i bambini che vengono ricoverati anche per curare un banale raffreddore! Ma questa, a sua volta, si giustifica con la paura che hanno i medici, troppo spesso aggrediti senza motivo, che preferiscono quindi togliersi qualche responsabilità. Ma ricoverare un bambino per una influenza significa togliere posti letto a chi sta veramente male. Infine, a causa del piano di rientro cui la Sicilia è sottoposta, si registra qui uno dei costi pro-capite dell’assistenza collettiva sanitaria più basso in Italia!

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ricerca, bambini con dislessia vedono in modo speciale

I bambini con dislessia vedono in modo speciale. A sostenerlo sono i risultati di uno ...

Condividi con un amico