Home » Benessere » Dieta delle banane: c’è da fidarsi?

Dieta delle banane: c’è da fidarsi?

L’hanno inventata i dottori Hamachi e Watanabe (marito e moglie) giapponesi e sicuramente magrolini come buona parte degli asiatici che osservano una dieta a base di riso e di pesce da sempre. Ma loro pensavano a noi, poveri occidentali obesi, e spesso ignoranti in materia di cibo genuino e sano. Come le banane. Questo frutto, conosciutissimo dagli atleti per il suo apporto energetico, può aiutarci a perdere 3 chili in quattro giorni! O giù di lì … perché si sa che le diete non sono uguali per tutti.

Banane a colazione

La dieta ideata dai due medici giapponesi è molto semplice. Per circa una settimana, a colazione, mangiate due banane e beveteci su un bicchierone d’acqua a temperatura ambiente. Nulla di più. I risultati si dovrebbero vedere già dopo pochi giorni. L’energia che scatena la banana in corpo ci terrà su tutta la mattinata e il senso di sazietà tipico di questo frutto ci farà mangiare di meno a pranzo. Forse ci farà addirittura passare direttamente alla cena! Ma non deve finire qui.

Soltanto benefici?

Iniziando anche il pranzo e la cena con una banana, e proseguendo con alimenti leggeri come formaggi light, verdure, pollo o tacchino e pesce, si potrà avere un equilibrio generale del corpo e sentirsi sazi anche con le poche calorie che si immettono in circolo. Un bel vantaggio, soprattutto per chi non riesce mai a finire una dieta per colpa del senso di fame. Ma sono solo benefici quelli apportati dalla “dieta delle banane”? Attenzione, meglio consultarsi con un dietologo prima di fare di testa propria. Certe diete non funzionano su tutti i tipi di organismo e inoltre -se è vero che la banana ha ottimi effetti anche sulla salute del cuore- bisogna evitare di strafare, altrimenti quelli che oggi sono benefici potrebbero domani diventare danni pesanti, proprio sul muscolo cardiaco.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Cenone di Natale: attenzione ai cibi a rischio allergie

Dalla frutta secca ed esotica, ai crostacei, ai pesci, dai dolci ai molluschi, sulle tavole ...

Condividi con un amico