Home » Benessere » Ecco cosa “non” fare per star bene davvero

Ecco cosa “non” fare per star bene davvero

Sfatiamo alcuni miti sullo star bene e tenersi in forma che forse non tutti sanno. Il succo del discorso è sempre quello: non esagerare e fare le cose con saggezza, altrimenti ci si può causare dei danni. Ma esistono delle attività, delle scelte, che noi crediamo siano tutta salute e invece non sono affatto così innocue. Facciamo attenzione quindi ai nostri gesti, ed ecco alcuni consigli da seguire.

L’igiene? Fino a un certo punto

Sciacquarsi la bocca dopo aver lavato i denti. Chi non lo fa? Eppure quando passiamo il dentifricio stendiamo sullo smalto il fluoro che lo mantiene sano e forte. Passarvi l’acqua subito dopo lo elimina. Sarebbe meglio, invece, sciacquarsi col collutorio. Fare attività fisica in modo alternato e contenuto: va bene correre ma non oltre i limiti e comunque mai senza prima fare degli esercizi di potenziamento muscolare per le gambe. Lavarsi dopo aver toccato lo sporco va bene… ma non esageriamo con l’Amuchina e altri disinfettanti. Usandoli troppo “abituiamo” i germi ad essi e li rendiamo immuni.

Attenti a troppe vitamine e troppa prevenzione

Non esagerate con le “vitamine in pillole”. Questa moda americana ci impedisce di mangiare quei cibi sani che quelle vitamine le contengono naturalmente. Ed essendo integratori, tra l’altro, favoriscono a volte un eccesso di vitamine che può scatenare al contrario vere e proprie malattie! Il riposino pomeridiano non “fa bene” per tutti. Alcuni ne hanno bisogno ma per altri è uno stacco che rende poi ancora più stanchi e pigri. Smettetela di pulire in modo maniacale la casa. Vivere in una bolla asettica impedisce al corpo di affrontare gli attacchi batterici quando arrivano con la conseguenza che ci ammaliamo peggio di altri, appena usciamo fuori. Non  indossate scarpe troppo basse, fanno male al corpo esattamente come il tacco 12. La soluzione migliore sarebbe un piccolo tacco di un paio di centimetri, comunque mai più di cinque. Infine… la prevenzione e le analisi vanno bene, sono un’ottima scelta. Ma farle una volta l’anno è già buono. Ripeterle due o tre volte in dodici mesi è un dispendio di soldi, energia e tempo che non dà alcun risultato utile.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Gravidanza: pressione alta e rischio sovrappeso per il bebè

La pressione alta in gravidanza può esporre il nascituro al rischio sovrappeso. A sostenerlo è ...

Condividi con un amico