Home » Benessere » Ecco come riconoscere lo stress dalle parole

Ecco come riconoscere lo stress dalle parole

Tutti siamo più o meno stressati, ormai, anche i bambini piccoli e gli anziani. Chi per un motivo chi per un altro, sembra che non riusciamo ad affrontare la vita. Che è divenuta veloce e pesante, quello sì, ma è anche vero che le troppe comodità ci hanno disabituati  a combattere e dunque cediamo allo sconforto della troppa fatica o del troppo pensare. Lo stress di solito si riconosce da come cambia l’umore, dalle malattie che esso porta con sé. Ma oggi si può riconoscere anche in un altro modo.

Dimmi come parli …

Si riconosce lo stress di un individuo dal modo in cui si esprime a parole. A quanto pare, secondo uno studio recente, è proprio la grammatica che “sballa” nei massimi momenti di stress. I ricercatori delle università americane di California e Arizona hanno pubblicato questa loro teoria, suffragata dai test di laboratorio, sul Proceedings of the National Academy of Sciences. Hanno dimostrato che quando siamo fortemente stressati il nostro modo di esprimerci cambia radicalmente. Di punto in bianco usiamo meno termini, con una diminuzione drastica dei plurali (“noi”, “loro”) e un aumento proporzionale del pronome “io” accompagnato da avverbi che intensificano le emozioni espresse ( “veramente, incredibilmente, spaventosamente…”) . Questo cambiamento è ovviamente inconscio, perché l’organismo stanco e bisognoso di aiuto della persona lancia appelli e allarmi in modo subliminale. Sono io, sono qua, aiutami, sto davvero male!  Le 143 persone adulte su cui si è svolto lo studio hanno registrato una sorta di diario vocale che è stato confrontato con alcune misurazioni dell’attività cerebrale rivelando che in effetti i cambiamenti di linguaggio corrispondevano all’aumento di situazioni stressanti.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico