Home » Benessere » Gravidanza dopo crioconservazione degli ovuli a Bologna

Gravidanza dopo crioconservazione degli ovuli a Bologna

Diventare mamma dopo il tumore. Una possibilità di cui si parla da tempo, e per la quale spesso si prelevano gli ovuli alle donne che devono subire la chemio proprio per evitare che si danneggino. In caso di guarigione potranno essere riutilizzati in seguito e permettere così la maternità che certe terapie avrebbero invece. In Italia si era fatto diverse volte ma non era mai successo che poi la donna affetta da tumore portasse davvero a termine una gravidanza dopo questo procedimento.

Il primo caso a Bologna

E’ successo adesso a una giovane signora di 34 anni di Bologna. Sei anni fa aveva cominciato la sua battaglia contro il Linfoma Non Hodgkin e dovendo sottoporsi a sedute pesanti di chemioterapia e radioterapia aveva fatto l’espianto e la crioconservazione degli ovuli. Le cellule riproduttive, cioè, erano state congelate e così tenute in vita per eventuali riutilizzi futuri. Una volta superata la malattia, una volta sicura che non ci sarebbe più stato bisogno di altre cure aggressive, la ragazza ha deciso di affrontare la maternità e si è fatta reimpiantare gli ovuli. Adesso è incinta e se tutto va bene potrebbe diventare mamma.

 In Italia si congelano anche gli ovuli di bambine

In Italia la crioconservazione si usa da tempo, per diverse motivazioni. Si calcola che siano 703 attualmente di cui 153 da bambine sottoposte a cure oncologiche. Una gravidanza post-crioconservazione c’era già stata a Torino, ma la donna non aveva avuto un tumore, bensì una malattia diversa. Il caso di Bologna entra negli annali di medicina perché per la prima volta una paziente che si è salvata da tumore sta portando avanti una gravidanza dopo il congelamento degli ovuli. Attualmente, dicono i medici che la seguono, sta andando tutto per il meglio. Non resta che augurare a questa futura famigliola un grosso in bocca al lupo.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Tutta la classe si vaccina per proteggere Simone

I ragazzi sanno sempre stupirci. Passiamo ore e ore a criticarli, a dire quanto sono ...

Condividi con un amico