Home » Benessere » Ecco il gene “del fumatore” che impedisce di smettere

Ecco il gene “del fumatore” che impedisce di smettere

E’ bastato un prelievo di sangue su alcune persone prese a campione, ai ricercatori dell’Istituto dei Tumori di Milano, per capire che la strada era quella giusta. Il fumare o non fumare è sì un problema di volontà, un vizio scatenato dalle tentazioni, dagli amici, dalla curiosità e mantenuto dalla dipendenza… ma è anche una questione genetica. Ovvero, alcuni non devono scegliere di non fumare. Non fumano e basta, perché non gli va.

Il gene Chrna5

L’osservazione delle persone che hanno affrontato le terapie antifumo dimostrano che sebbene nell’immediato funzionino praticamente tutte (il 75% dei soggetti smette) ad un anno dalla fine della terapia il 47% ha già ripreso il vizio. E non si spiega come mai questi soggetti “duri” non smettono nemmeno con le sigarette elettroniche o con le sedute psicanalitiche. Nemmeno davanti alla malattia di un parente causata proprio dal fumo! Il problema si chiama Chrna5, un gene che codifica i recettori della nicotina e che dunque rende più facile la dipendenza e più complicato l’uscirne.  Le persone che nascono con questo gene in corpo, o con uno dei tanti suoi “parenti” filo-nicotinici, non riescono a vivere senza nicotina e non possono smettere facilmente di assumerla. Per contro, chi quei geni non li ha nemmeno inizia a fumare.

Senza quel gene tanti problemi in meno

La presenza o meno di questi geni, dunque, determina anche la qualità di vita delle persone. Si sa ormai che dal fumo dipendono decine di problemi fisici gravi (tumore, infarti, ictus), cronici (malattie polmonari, tosse cronica) e meno gravi ma sicuramente antiestetici (invecchiamento della pelle, denti gialli…). Il fatto che molte persone, pur sapendo questo, continuino a fumare è proprio dovuto a questa impossibilità genetica di smettere. Adesso che sappiamo da dove deriva il problema, questi fumatori incalliti dovranno soltanto sottoporsi a un prelievo di sangue e attendere i risultati. La presenza del gene o dei geni incriminati cambierà radicalmente il modo di affrontare il vizio del fumo e potrebbe portare a salvare centinaia di vite umane in più.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Ricerca, bambini con dislessia vedono in modo speciale

I bambini con dislessia vedono in modo speciale. A sostenerlo sono i risultati di uno ...

Condividi con un amico