Home » Benessere » Come curare la colite ulcerosa

Come curare la colite ulcerosa

Molti la confondono col Morbo di Crohn ma la colite ulcerosa è tutta un’altra storia. Mentre il Crohn si sviluppa nell’intestino, anche a causa di fattori allergici, la colite ulcerosa parte da una infiammazione che lacera le pareti rettali e poi si estende fino a salire all’intestino. Colpisce generalmente persone giovani, di età compresa tra 20 e 40 anni, e non si sa molto della sua origine. Di sicuro ci sono fattori genetici ereditari, ma potrebbe anche essere accelerata dall’inquinamento e dalle abitudini alimentari.

 I sintomi e i farmaci che li curano

Si manifesta con diarrea frequente, che può presentare sanguinamenti, e con forti dolori addominali. In alcuni casi la persona ha la febbre oppure smette di mangiare e dimagrisce.  Come nel Morbo di Crohn, anche la colite ulcerosa presenta lunghi periodi di benessere alternati a crisi intense, per cui la persona vive una vita carica di incertezze e di disagi anche lavorativi. Una volta escluse altre patologie gravi (come ad esempio tumori al colon-retto o all’intestino), si deve trattare la colite ulcerosa con terapie costanti nel tempo. A livello farmaceutico la colite ulcerosa si tiene a bada con immunosoppressori, corticosteroidi, aminosilicati e in casi estremi con interventi chirurgici.

La dieta adatta

Ma a tutto questo va associato anche un drastico cambiamento della dieta: basta cibi piccanti, bevande gassate o alcoliche, niente cioccolato e caffé, té soltanto deteinato, niente verdure e frutta intere ma meglio centrifugate, diminuire la carne e i legumi. Aumentare invece i piatti a base di pesce fresco, probiotici, bere molta acqua possibilmente non freddissima e naturale, assumere fibre ma in misura moderata e ovviamente farsi consigliare da un bravo dietologo su come alternare i pasti in modo da avere energie e proteine pur diminuendo drasticamente le pietanze sul piatto. Nelle donne incinte, l’applicazione delle terapie per questa malattia possono far male al feto. Si consiglia, anche se è difficile programmare certe cose, di “iniziare la gravidanza” nei periodi di remissione della malattia.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Artrite Reumatoide: ecco il farmaco (gratuito) in pillole

Un farmaco nuovo, efficace e attivo che può dare speranza ai tanti malati di artrite ...

Condividi con un amico