Home » Benessere » Influenza: il picco è alle porte

Influenza: il picco è alle porte

Baby ailing and lying measuring electric thermometer

“Il peggio deve ancora venire” dicono gli esperti eppure non sembra possibile. Infatti già adesso sono circa un milione gli italiani a letto con tutti i sintomi dell’influenza stagionale targata 2018. La fase del “picco” pare sia iniziata già prima di Natale, in controtendenza con le previsioni che la volevano a gennaio. E forse si tratta di forme parainfluenzali miste a vera influenza, che confonde un po’ le idee.

Il picco sta per arrivare

In Liguria si calcolano decine e decine di casi, tanto che a Natale gli ospedali erano già al collasso dati i ricoveri o il ricorso al Pronto Soccorso di molte persone con febbre sopra i 40°, ed è infatti questa la regione ad oggi più colpita. Eppure i dati per il resto d’Italia parlano di “andamento  quasi esattamente sovrapponibile a quello della stagione 2016/2017” per il periodo natalizio, il che significa che forse il vero picco deve ancora venire. Il freddo però sta anticipando il proprio arrivo e con le basse temperature i virus circoleranno più in fretta. Insomma non è escluso che il peggioramento delle statistiche influenzali previsto per metà gennaio possa cominciare prima di Capodanno.

E’ ancora possibile vaccinarsi?

Ancora una volta, la fascia di età maggiormente colpita è quella dei bambini molto piccoli (0-5 anni) seguita subito dai ragazzi in età scolare e dagli adulti. Ancora una volta i casi più gravi riguardano persone anziane e il calo delle vaccinazioni sta mettendo a serio rischio non solo la già citata Liguria ma anche Piemonte, Val d’Aosta,  Trento, Toscana, Marche, Lazio e per quanto riguarda il sud Puglia, Basilicata e Calabria con un livello di incidenza pari o superiore a cinque casi per mille assistiti (il minimo sarebbe 2 casi su mille). E’ ancora possibile vaccinarsi? Sì, anche se bisogna tener conto che il vaccino agisce entro 20 giorni e i virus sono molto più rapidi e aggressivi durante il picco massimo… dunque potrebbe servire a ben poco vaccinarsi ora.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Catania: la psicosi morbillo fa aumentare le vaccinazioni

Oltre duecento i casi di morbillo in un solo ospedale di Catania, e tra questi ...

Condividi con un amico