Home » Benessere » Ibuprofene minaccia fertilità maschile

Ibuprofene minaccia fertilità maschile

L’ibuprofene può danneggiare la salute riproduttiva maschile. L’allarme arriva da uno studio condotto da un gruppo internazionale di ricercatori guidato dall’Istituto nazionale per la salute e la ricerca Medica (Inserm) francese di Rennes che ha associato l’uso di questo farmaco a possibili effetti negativi sulla salute riproduttiva maschile.

Secondo lo studio, infatti, dopo diversi giorni di assunzione di ibuprofene si registra una riduzione della produzione degli ormoni sessuali maschili, che contribuisce ad una condizione di salute chiamata ipogonadismo. Gli esperti spiegano che proprio questo problema può comportare danni nella salute riproduttiva maschile ed altri effetti negativi sulla salute fisica e psicologica dell’uomo.

La ricerca, pubblicata su Proceedings of the National Academy of Sciences, ha preso in esame i dati relativi ad un campione di 31 uomini di età compresa fra i 18 e i 35 anni che sono stati coinvolti in un trial clinico. Ai volontari veniva somministrati circa 1.200 mg di ibuprofene al giorno per un periodo di 6 settimane.

I ricercatori riferiscono che in base ai risultati, dopo due settimane di assunzione del farmaco l’equilibrio ormonale maschile presentava alcune variazioni soltanto nel gruppo che aveva assunto il farmaco e non nel gruppo di controllo. In particolare, l’uso continuativo di ibuprofene aveva agito su alcuni elementi della funzionalità dei testicoli, ad esempio aveva ridotto la produzione di testosterone, l’ormone sessuale maschile.

Valentina Garbato

Siciliana verace, mamma felice da pochi mesi e appassionata di scrittura da sempre. Amo la lettura, la musica, il cinema, gli amici e il buon cibo. Una laurea in giornalismo e tanti sogni ancora da realizzare.
x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico