Home » Benessere » Vuoi dimagrire? Mantieni il segreto!

Vuoi dimagrire? Mantieni il segreto!

La prima regola per far funzionare una dieta? Non è tagliare i carboidrati, né suddividere i pasti principali in tre tappe … è chiudere la bocca! No, non per smettere di mangiare, ma per evitare di dire in giro che si sta cominciando una dieta. L’Università di Stanford -tramite una ricerca condotta sul fallimento di alcune diete- ha capito che il pericolo principale sono amici e parenti. Se ci fate caso sicuramente lo avrete sperimentato anche voi: annunciate che siete a dieta e da subito cominciano le provocazioni.

Mantenete il segreto il più possibile

Gli amici vi inviteranno apposta a eventi pieni di buon cibo, vi sfideranno a resistere davanti a una torta, fratelli e sorelle vi derideranno mangiando davanti ai vostri occhi una fetta di dolce ricca di panna, e i genitori cominceranno con l’allarmismo (“ma devi mangiare, se no stai male!”) e poi finiranno con lo scoraggiarvi (“ma ti conviene? ma tanto non ce la fai”).  Dunque la prima mossa perché la dieta funzioni è tenere il segreto tutto per voi. Naturalmente prima o poi si accorgeranno tutti che rifiutate un panino, un dolce, un secondo .. vedranno che pesate i cibi e vivete di carote … ma scoprirlo poco per volta non è come fare annunci eclatanti.

O coinvolgete gli amici burloni

La maggior parte delle persone a dieta (oltre il 75%) non si sentono sostenuti e aiutati da parenti e amici. Sentono di essere un peso per loro, di metterli in imbarazzo o addirittura di infastidirli. L’amica in carne si sentirà messa da parte da voi, l’amico pigro penserà che siete snob perché andate in palestra … e così via. “Noiosi” è il termine più ricorrente che descrive amici a dieta; “montati” è il secondo. Una mossa vincente per portare avanti la dieta senza perdere l’amico o la stima del fratello può essere quella di coinvolgerli. Come diceva Barbra Streisand all’amica cicciottella in una scena del bellissimo film “L’Amore ha Due Facce” : <<Se mi dai mezzo panino io ti dò mezza insalata!>>, in tal modo si mangia tutti di buon gusto, ma meno. E si divide la fatica e anche la dieta, senza prese in giro.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Psicologia: cos’è il “blue monday” e come sopravvivere

Siete ancora vivi? Se leggete questo articolo forse sì … e allora siete fortunati dato ...

Condividi con un amico