Home » Benessere » Ecco la “vigoressia”, la dipendenza dalla ginnastica del web

Ecco la “vigoressia”, la dipendenza dalla ginnastica del web

Meglio energia che “vigoressia”. E’ una frase che molti medici, ma anche psicologi, ripetono spesso negli ultimi tempi. E questo perché, tra le nuove malattie derivate dagli eccessi di uso del web, è nata anche questa. Il termine è un po’ ironico, significa eccesso di dipendenza da ginnastica video, quella che si vede sul web, tramite computer o telefonino. Avete presente? Modelle super sexy che si fanno un selfie al giorno per dimostrare come i loro spompanti esercizi funzionino?

Il pericolo della ginnastica online

Si scolpiscono seno, braccia, natiche con ginnastica massacrante che “consigliano a tutti” e permettono di seguirla caricando video che raggiungono chiunque, dalla signora attempata e invidiosa alla ragazzina che crede di essere troppo grassa pesando 40 kg! La ginnastica fa sempre bene, un mito come Jane Fonda lo ha dimostrato per tutta la vita, con i suoi video per mantenersi in forma. Ma oggi si stanno superando limiti della decenza e della normalità. Si passa dalla ragazzotta fascinosa che vi spiega come ottenere una pancia piatta in poche mossa… alla maniaca (o al maniaco) che scolpisce il proprio corpo a colpi di bisturi per somigliare a Barbie o a Ken!

Muoversi fa bene, ma non fai-da-te

Come detto, far ginnastica non è sbagliato … MAI. Ma ogni esercizio va svolto in base al proprio fisico, alla resistenza, anche alle problematiche di salute che una persona può avere. Si fa ginnastica dopo visita medica, seguiti da uno o più istruttori … il fai-da-te in questo settore è pericolosissimo. Non solo perché ci si può ferire facendo esercizi eccessivi da soli, ma anche perché nelle menti più fragili può diventare davvero “vigoressia”, cioè dipendenza molto simile all’anoressia o alla dismorfofobia (quando ci si vede brutti anche se si è belli). Ecco perché questo fenomeno interattivo va controllato, arginato e possibilmente eliminato. Che effetto hanno tutti questi esercizi massacranti sulle bambine di 13 anni, che si affacciano appena adesso sulle insicurezze fisiche?

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico