Home » Benessere » Influenza: cerchiamo di capire cosa sta succedendo

Influenza: cerchiamo di capire cosa sta succedendo

Se fate un giro su Google trovate notizie che si contraddicono da sole: “Mai così tanti malati di influenza”, “Casi di influenza in calo rispetto agli altri anni”, “Il vaccino non funziona”, “Vaccino efficace, ma spunta un nuovo virus”, oppure ancora “influenza aggressiva” o “influenza normale”. Insomma, che succede? Dove sta la verità? La verità non possiamo saperla, non prima di aprile o maggio.

Ancora pochi vaccinati

Perché bisogna che termini il picco massimo di influenza per capire chi, cosa e come sta succedendo. Bisogna valutare, alla fine, quanti tra i vaccinati sono stati colpiti e quanti ne sono rimasti immuni. Oggi si parla di 4 milioni a letto e si dice che “non era mai successo”, invece sappiamo bene che solo due anni fa si superarono i 5 milioni di casi! C’è un po’ una gara di terrorismo mediatico sulla malattia stagionale che, come tutti gli anni, fa il suo corso. I tanti milioni di ammalati dimostrano solo una cosa: ancora la gente non crede nel vaccino anti influenzale. Se si fossero vaccinati in tanti ci sarebbero stati meno casi, e questo è garantito!

Il quarto virus che non ci si aspettava

E’ anche vero, però, che ogni tanto capita che un virus “alieno” si insinui nella malattia di stagione a causa dei cambiamenti climatici. Quest’anno si parla del virus Yamagata, che non era compreso fra i tre coperti dalla vaccinazione. Era già successo, in passato, ad esempio nel 2009 e nel 2014, che un quarto virus giungesse improvviso e contagiasse anche chi si era vaccinato sul trivalente. Questo può causare qualche caso in più e qualche complicazione imprevista in più, ma non c’è niente di catastrofico … niente di strano rispetto ad altri anni. Lo strano, piuttosto, è il comportamento di molti medici di famiglia che per evitare problemi e denunce invitano i pazienti a curare l’influenza in ospedale, anche in assenza di sintomi gravi o di alte temperature. E’ questo l’anomalo. Che i Pronto Soccorso devono sospendere le cure ai casi veramente gravi per curare persone che potrebbero semplicemente curarsi a casa, con molto riposo e tanta pazienza …!

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Catania: la psicosi morbillo fa aumentare le vaccinazioni

Oltre duecento i casi di morbillo in un solo ospedale di Catania, e tra questi ...

Condividi con un amico