Home » Benessere » Contraccezione: non fidatevi del telefonino

Contraccezione: non fidatevi del telefonino

L’ultima moda in fatto di contraccezione e prevenzione di gravidanze indesiderate è quella delle “applicazioni intelligenti” degli smartphones. Si tratta in parole povere della trasposizione elettronica dell’antico metodo di Ogino e Knaus, ovvero il calcolo dei giorni fertili e meno fertili e la decisione di fare l’amore al momento giusto per evitare di rimanere incinte.

Il calcolo della fertilità fai-da-te

Questo metodo, molto diffuso negli anni Settanta del secolo scorso, si è rivelato molto meno preciso di quanto non sembrasse inizialmente. E’ vero che in base alla temperatura del corpo e ai dolori di ovulazione la donna può capire quali sono i giorni di massima fertilità (quindi NON fare sesso in quel periodo) e quelli in cui le ovaie sono a riposo (in quel caso, sesso a volontà!) ma è anche un metodo impreciso perché non sempre i giorni fertili sono “soltanto quelli” e non sempre la temperatura che si alza indica fertilità o meno.

Se la app tradisce si rimane incinte

Molte donne sono rimaste incinte in passato, fidandosi troppo spesso del metodo Ogino-Knaus, ma le giovani di oggi che non lo sanno o fingono di non saperlo, sono tornate ad usarlo in versione “moderna”, ovvero con le app che calcolano all’istante la temperatura e l’ovulazione! Il risultato? Nel solo autunno 2017, su 600 donne che usavano queste app speciali, 37 sono rimaste incinte ugualmente, nonostante i super calcoli di precisione del software!  In Svezia, dove queste app sono di grande tendenza, i casi di gravidanze indesiderate sono aumentati drasticamente da quando esistono gli smartphones! Dunque come fare per proteggersi bene? Non vi piacerà sentirlo, ma solo l’astinenza dal sesso impedisce in modo sicuro le gravidanze e le malattie intime. E a tal proposito, anche se la app funzionasse per impedire la gravidanza, non vi impedisce il contagio di AIDS, di virus Hpv o di sifilide. Insomma, astenersi dal sesso o usare i cari vecchi “condom”, tenendo ben presente che il rischio è sempre dietro l’angolo e dunque se non siete davvero sicuri di una relazione evitate di complicarla ancora di più.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Ecco l’ormone del bacio che cura le donne adulte

Quei soliti americani giocherelloni l’hanno ribattezzata kisspeptina, unendo la parola “kiss” (bacio) a “peptina” termine scientifico ...

Condividi con un amico