Home » Benessere » Tumore “inoperabile” asportato a Milano. Prima volta nella storia.

Tumore “inoperabile” asportato a Milano. Prima volta nella storia.

Forse è la prima volta al mondo, certamente la primissima in Italia, quella che ha portato al successo storico l’Istituto Oncologico Europeo (IEO) di Milano. Qui infatti è stato rimosso senza alcuna conseguenza negativa uno dei peggiori tumori del polmone, uno di quelli cosiddetti “inoperabili”, con disagi minimi per il paziente e decorso -fin qui- soddisfacente. L’equipe del professor Lorenzo Spaggiari ha usato una tecnica mini invasiva con l’aiuto di bracci meccanizzati su un paziente malato e fortemente obeso, dunque un caso non facile affatto.

Chemioterapia e microchirurgia contro i tumori

Il tumore del polmone è il primo, per mortalità, in Italia. Non fa distinzione di sesso o di età ed è causato dall’inquinamento che si unisce a fattori ereditari e a vizi come il fumo (ma non per forza!). Molti di questi tumori sono “inoperabili” perché compromettono la respirazione, per questo la micro chirurgia sta puntando soprattutto a questo genere di neoplasie, sul fronte della ricerca. A Milano, il primo successo! Che non arriva da solo, ma anche grazie alle nuove terapie chemioterapiche che hanno prima ridotto moltissimo il tumore e permesso la asportazione di piccole porzioni di polmone e -nel caso di questo paziente- anche di alcune costole attaccate da metastasi.

Il paziente è guarito completamente

Il miglioramento della chemioterapia permette ai chirurghi toracici di trovare tumori sempre più piccoli e circoscritti e questo, nel caso di un polmone, è un enorme vantaggio. Si può rimuovere senza compromettere la respirazione, si interviene col minimo danno per il fisico che recupera subito e con pochi disagi, e si può intervenire anche in situazioni come quella di pazienti obesi con la massima tranquillità. L’intervento di Milano è stato eseguito a novembre 2017 e oggi il paziente è a casa, sta bene, ha ripreso la vita normale. E’ stato il primo passo verso una tecnica chirurgica che nei prossimi 10 anni potrebbe fare “miracoli” come questo anche su altri tipi di tumori “inoperabili”.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Ecco come il dottor Nicola ha salvato Lia da una sindrome rarissima

Il genio non deve essere per forza una persona che riesce a creare capolavori ogni ...

Condividi con un amico