Home » Benessere » Ecco un nuovo farmaco disponibile contro il tumore al colon

Ecco un nuovo farmaco disponibile contro il tumore al colon

Molto studiato a livello mondiale, il tumore al colon-retto presenta spesso novità interessanti per pazienti e medici. Notizie relative a nuovi farmaci o metodi di prevenzione piovono dal cielo ed è difficile capire quali siano complete e quali solo delle ipotesi. L’ultima notizia, più che una novità medica, riguarda la novità di distribuzione. Infatti è stato approvato in Italia l’uso di un farmaco chemioterapico a titolo gratuito, ma solo per malati di terzo o quarto stadio.

Nuovo farmaco per il tumore al colon

Si tratta di un prodotto già testato e che ha portato risultati interessanti come la riduzione del 20% delle metastasi e in alcuni casi la regressione della malattia fino a guarigione, con assenza di recidiva a 5 anni. Il farmaco non è invasivo, si assume per via orale e si basa sulla combinazione di trifluridina (FTD) e tipiracil (TPI).  La sua azione è diretta sul DNA e blocca la proliferazione delle cellule tumorali legate al colon e al retto. La sua efficacia è doppia se il paziente ha già ricevuto trattamenti precedenti con la malattia, dunque, resa debole dai bombardamenti di chemio.

Gratis per i malati più gravi

Il problema erano i costi. Il nuovo farmaco era già stato approvato in Europa, ma l’Italia che deve garantire cure gratuite a tutti doveva far bene i conti. Alla fine si è deciso di distribuirlo gratis alle persone più gravi, in modo da tentare il tutto per tutto contro la malattia che avanza. Il rimborso su questo farmaco permetterà di usarlo a largo raggio e di aumentare la sopravvivenza dei pazienti che oggi vedono innanzi poche prospettive. Con tutte le scoperte scientifiche degli ultimi vent’anni, il tumore del colon-retto ha visto notevolmente aumentare la sopravvivenza dei pazienti; le chemioterapie personalizzate hanno migliorato ulteriormente le statistiche e già cinque anni fa il numero di pazienti in vita nonostante la malattia era aumentato di 100.000 unità. Numero che oggi è raddoppiato e col nuovo farmaco potrebbe raggiungere cifre impressionanti.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Un “codice” sulle pillole per gestire il farmaco

Sapete che cos’è un QR CODE… o “codice QR”? E’ quel qudratino che trovate ormai ...

Condividi con un amico