Home » Benessere » Le e-cig danneggiano il DNA? Studi contrastanti dagli USA

Le e-cig danneggiano il DNA? Studi contrastanti dagli USA

Svaporatori in rivolta contro lo studio -ancora incompleto e provvisorio- della New York University che associa le mitiche sigarette elettroniche ad anomalie del DNA che possono portare allo sviluppo di malattie non previste. La rivolta scatta sia perché i test in questione sono stati condotti su animali (topi) per cui non si ha la loro certezza sull’uomo, sia perché le conseguenze a lungo termine non si possono comunque prevedere adesso … quindi, dice il popolo del vapore, perché fare terrorismo?

I liquidi delle e-cig sono sicuri?

L’Italia potrebbe replicare a breve a queste ipotesi, dato che qui da noi lo studio delle “e-cig” è stato condotto con cura e con risultati tutt’altro che negativi dall’Università di Catania, ma in attesa di espressioni di persone competenti, analizziamo la notizia sconvolgente che viene dagli USA. Come tutti sappiamo, le “e-cig” sono tubetti elettrici che bruciano dei liquidi aromatizzati producendo innocuo vapore. La gente che li “fuma” lo fa per consolarsi dopo la perdita del vizio del tabacco, o per moda, o perché ama sentirsi in bocca quei sapori nuovi rilasciati dai liquidi da svaporare. Proprio quei liquidi, però, sono nell’occhio del ciclone. Si tratta sempre di sostanze chimiche, siamo sicuri che a lungo andare non causino danni peggiori?

Tra mutazioni del DNA e I-qos

Se i topi sottoposti agli esperimenti hanno evidenziato delle mutazioni del DNA prodotte dai liquidi bruciati nelle e-cig non è detto che lo stesso avvenga nell’uomo, non è detto che quel fenomeno non sia legato a problemi completamente diversi dalle sigarette elettroniche. Finora sappiamo solo che le sigarette di nuova generazione, di fatto, aiutano a smettere di fumare e fanno meno male delle tradizionali. E mentre si punta l’attenzione sulle e-cig nasce un altro fenomeno:  I-Qos, le nuove sigarette elettroniche che permettono di continuare a fumare tabacco senza però avvelenarsi i polmoni, in quanto non viene bruciato ma solo scaldato. In pratica, si inala solo l’aroma! Pronti a partire con nuovi esperimenti, dunque … e  nell’attesa gli svaporatori continuano a “svapare” allegramente.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Ecco i “proiettili di DNA” che uccidono i tumori

Se ne era parlato nei mesi scorsi, oggi forse abbiamo i primi risultati concreti. La ...

Condividi con un amico