Home » Benessere » Ecco perché l’influenza suina non deve fare paura

Ecco perché l’influenza suina non deve fare paura

Succede che in Liguria si ammalano 4 persone di “influenza suina” e in pochi giorni crollano le vendite della carne di maiale in tutta la provincia di La Spezia. Succede che ancora una volta, per colpa dell’ignoranza della gente, si scateni un panico ingiustificato e folle intorno a qualcosa che non ha proprio senso. L’influenza “suina” si chiama così non perché si viene contagiati dalla carne di maiale ma perché il virus che la scatena -il famoso e umanissimo H1N1 –  era inizialmente un virus animale, tipico dei maiali, ma poi è mutato passando all’uomo. Questo avveniva in Asia alcuni anni fa, ma anche in quel caso, il contagio avvenne tra allevatori e animali VIVI … la carne, soprattutto se cotta, non portava contagio di niente.

Un virus umano, non animale

Il virus originariamente suino, oggi è un virus assolutamente umano. Soltanto il nome è rimasto “suino”, e la prova sta nel fatto che quando i giornali lo chiamano virus H1N1 nessuno si impressiona e nessuno smette di comprare carne di maiale! Inoltre, le persone morte in Liguria di influenza da H1N1 sono decedute per complicazioni da polmonite, non perché avessero mangiato carne! Insomma, quello che sta circolando in Liguria è un virus influenzale, più potente di quelli del passato, ma sicuramente curabile e guaribile se i soggetti che si ammalano non sono debilitati o anziani. Il contagio avviene da persona a persona e non da animale (o da carne) a persona.

Vaccinarsi è l’unica arma

Ricordiamo che per salvarsi dal virus H1N1 la soluzione non è smettere di mangiare salsiccia, ma VACCINARSI a inizio stagione contro l’influenza annuale. Per le persone anziane e malate, il Servizio Sanitario Nazionale prevede anche un vaccino aggiunto, contro la polmonite appunto, unica complicazione veramente temibile di ogni influenza. Se ricorrete al vaccino -o ai vaccini- per tempo, qualsiasi virus … anche “suino”… vi lascerà in pace. Infine, siete pregati di parlare col medico di tutti i vostri dubbi e di non dar credito alle MOLTISSIME notizie false e costruite ad arte che circolano ancora sul web, e che magari vi dicono che il nemico è il vostro macellaio, quando invece non è vero niente.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Catania: la psicosi morbillo fa aumentare le vaccinazioni

Oltre duecento i casi di morbillo in un solo ospedale di Catania, e tra questi ...

Condividi con un amico