Home » Benessere » Ecco perché le diete esagerate fanno male

Ecco perché le diete esagerate fanno male

Gli americani le chiamano “Crash Diet” e sono quelle diete super ferree, super intensive, che molte persone -soprattutto donne ma non solo- fanno all’ultimo minuto per entrare nel vestito da sposa, da festa, o per far figura con il nuovo costume da bagno. Persone che mangiano e bevono tutto l’anno e si fanno prendere dall’angoscia alle porte della primavera intraprendendo diete pazzesche che promettono di far perdere chili in 72 ore, in una settimana, in un mese. Ma a quale rischio?

I rischi per la salute

Quando si smette o si diminuisce il mangiare troppo di colpo il corpo subisce un trauma che inizialmente non si vede ma che avrà effetti pesanti nel breve termine in futuro. Il metabolismo, invece di accelerare, rallenta; il la digestione non brucia più tutte le calorie che bruciava un tempo, la fame aumenta e si perde il controllo di quel che si mangia. Magari di tutto questo non vi accorgerete nei primi sei giorni… ma nell’arco di un mese tutti i benefici normali della dieta si perderanno e si rischia anche di assumere comportamenti alimentari che mettono a repentaglio la vostra stessa vita. In genere, dopo un digiuno o semi digiuno di 12 ore il corpo comincia a bruciare zuccheri … e questo fa bene alla dieta. Ma dopo appena 24 ore…

Aumenta il colesterolo, aumenta la fame…

In carenza di zuccheri, aumenta il colesterolo a livelli estremi. Per difendersi, il corpo rallenta tutte le funzioni incluso il metabolismo, il che vuol dire che non brucia più niente. La conseguenza è che già dopo 4 giorni di questa dieta, quel poco che mangiate.. anche solo una foglia di insalata… rimane in circolo con tutte le sue calorie. Dopo una settimana di dieta ferrea, il corpo già non funziona più a dovere e l’umore, che intanto è disturbato dalla poca lucidità mentale, inizia a entrare in un meccanismo di anoressia. Dopo un mese cominciate a “sgarrare” e lo fate con alimenti grassissimi pensando che “una volta tanto non fa male”. Se resistete fino a 6 mesi con questo tipo di dieta gli sbocchi saranno solo due: o diverrete anoressici e patologicamente fissati col cibo, o tornerete a ingrassare anche più di prima perdendo il controllo sulle calorie assunte. Ne vale la pena?

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Pasta “infetta”: ecco quale NON mangiare

Non è un simbolo di cattiva gestione dell’azienda, ma qualcosa che può succedere anche nelle ...

Condividi con un amico