Home » Benessere » Come fermare l’influenza in 24 ore? Ce lo dicono i giapponesi

Come fermare l’influenza in 24 ore? Ce lo dicono i giapponesi

Studio shot of various pills and capsules --- Image by © Tetra Images/Corbis

I giapponesi non amano i vaccini più di quanto non li amino gli europei, e si sono dati da fare perché in futuro non sia mai più necessario vaccinarsi contro l’influenza. Siamo ancora nel campo delle ipotesi, ma la loro nuova idea è talmente interessante che la casa farmaceutica Roche ha puntato tutto su di essa e possibilmente sarà la prima a commercializzare il nuovo farmaco nel mondo. Un nuovo farmaco che imita il lavoro dei farmaci anti AIDS ma contro un nemico molto più banale.

Un farmaco che agisce su tutti i virus

Se si rivelasse efficace, potrebbe battere tutti i virus di ceppo A e di ceppo B nel giro di 24 ore, facendo sì che una influenza duri anche meno di un raffreddore! Come funziona? La molecola anti virale colpisce il virus un attimo prima che “prenda possesso” delle cellule umane scatenando la febbre. Lo coglie sul fatto nel momento della sua trasformazione, esattamente come fanno i farmaci anti Hiv ai giorni nostri. Questa azione, dato che avviene sul meccanismo del virus e non sulla sua tipologia, è efficace su qualsiasi famiglia virale e questo vuol dire che non importa che tipo di influenza arrivi (Asiatica, Spagnola, Australiana…) il farmaco riuscirà a batterla sul nascere.

Un sogno miliardario per le case farmaceutiche

Se immesso in commercio, un prodotto simile, sarebbe la felicità miliardaria delle case farmaceutiche in grado di proporlo, per questo c’è molta attesa a riguardo. E questo per smentire quel che si dice oggi, ovvero che sono i vaccini che arricchiscono le multinazionali. Con i vaccini, le case farmaceutiche guadagnano meno del necessario mentre fior di denari piovono con i farmaci per combattere l’influenza, che sono tanti e vengono usati per più tempo. Bisognerebbe riflettere su questo, prima di alzare cartelli no vax. In attesa del miracoloso farmaco nipponico, intanto, per evitare di soffrire non resta che vaccinarsi in ottobre, una volta per tutte.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico