Home » Benessere » Ecco le nuove armi contro i “superbatteri”

Ecco le nuove armi contro i “superbatteri”

I “superbatteri” non sono affatto “super”. Sono normalissimi micro organismi, anche vecchi di milioni di anni, con i quali abbiamo convissuto per secoli e che noi stessi abbiamo reso imbattibili. Come? Esagerando con i medicinali inutili, curando con bombardamenti pesanti anche un banale raffreddore. Quel che non ti uccide ti fortifica, dice il proverbio, e vale anche per i batteri. Che si sono infatti abituati ai nostri farmaci al punto che questi non hanno più effetto su di loro. Ecco perché sono “super”. Bisogna quindi trovare nuove armi potenti per rimetterli in riga.

Nuovi antibiotici contro superbatteri

Se qualcuno sta tornando al passato, utilizzando metodi “della nonna” che magari i batteri hanno dimenticato, altri -i ricercatori- puntano al futuro. E sono tanti gli studi su nuove sostanze e nuovi metodi per combattere i batteri resistenti. Negli USA, all’Università di New York, si stanno studiando  le malacidine, un nuovo tipo di antibiotici ricavato dal sequenziamento genico e già sperimentati sulla MRSA, ovvero su una delle infezioni più difficili da curare. Ci sono stati successi degni di nota a riguardo, ma la ricerca italiana forse ha fatto molto di più.

E un gene scoperto in Italia

Pare infatti che sia stato isolato in Italia, per la primissima volta, il gene che rende i batteri imbattibili. Una ricerca congiunta degli Istituti Zooprofilattici di quattro regioni (Umbria, Marche, Lombardia, Emilia Romagna) ha individuato nel batterio della salmonella il gene mcr-4 e una volta capito come agisce nel “corpo” del batterio si può studiare il modo per abbatterlo e con esso per rendere inoffensivo il batterio stesso. Alcuni batteri, come quelli della famiglia E-Coli possono essere anche nostri alleati, in quanto si trovano nel nostro intestino e lavorano per esso. Ma in alcune forme sono dannosi e vanno contrastati perché la loro resistenza può portare seri danni quando ci ammaliamo di infezioni intestinali, tanto comuni ad esempio durante l’estate.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico