Home » Benessere » Parkinson: un metodo per alleviare i sintomi

Parkinson: un metodo per alleviare i sintomi

Il Parkinson lo abbiamo conosciuto tutti, in mondovisione, nella sofferenza di Papa Giovanni Paolo II e molti di noi lo conoscono anche per l’impegno sociale dell’attore Michael J Fox (“Ritorno al Futuro”, “Il segreto del mio successo”) che si è ammalato non ancora quarantenne. Malattia lunga, lenta, degenerativa, che colpisce i centri nervosi e tramite essi i muscoli, con tremori, dolori e blocchi che portano lentamente a spegnersi. Una malattia che oggi sempre più si può controllare, se non proprio curare.

Un metodo nuovo

E per la prima volta in Italia arriva un macchinario in grado di regalare giornate nuove e serene ai pazienti malati di Parkinson. Arriva a Verona, per la precisione, all’ospedale di Borgo Trento. Un orgoglio perché fino a ieri questo tipo di macchinario esisteva soltanto negli USA e si stava testando in Cina, ma in Europa ne eravamo totalmente privi. Il centro veronese lo userà per la prima volta nel continente, sperando ovviamente di riportare successi. E’ costato 7 milioni di euro, ed ha visto la partecipazione economica della Fondazione Cariverona, senza la quale non sarebbe stato possibile averlo.

Risonanza contro i tremori del Parkinson

Il macchinario, che si chiama MRgFus all’estero viene già usato per la cura di paricolari tipi di tumore e per alcune malattie neurologiche. Ma è la prima volta che viene testato sul Parkinson. Utilizza un sistema di risonanza ad alto campo 3 Tesla e permette così di distruggere le alterazioni anomale dei tessuti senza creare danno né necessitare di tagli e ferite. Nel caso del Parkinson, il macchinario va a bombardare “pacificamente” le anomalie che bloccano i nervi causando i vari tipi di tremore: il tremore essenziale, il tremore neuropatico, e il tremore dominante . Ridurre questo tipo di sintomi, in questi pazienti, significa regalare loro una vita migliore e forse una nuova energia nell’impegno contro la malattia.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico