Home » Benessere » Quando per farsi accettare ci si stressa a morte

Quando per farsi accettare ci si stressa a morte

Essere bravi come il fratello maggiore, essere moderni come l’amica, essere pronti a ubriacarsi come gli amici della comitiva, essere all’altezza dei colleghi più esperti, dire le parolacce perché “fa fico”, fumare, tirare uno spinello per non essere “antichi” …. tutti questi, e molti altri, sono sforzi enormi che ognuno di noi fa quotidianamente e in varie epoche della propria vita per essere amato, accettato, parte di un gruppo. Perché l’uomo è animale sociale e a volte “l’originalità” significa emarginazione, e non tutti ci stanno.

Un libro per aiutarci a essere originali

Uno stress continuo che può portare anche a farci ammalare seriamente. Problemi come le disfunzioni sessuali, ma anche come le aritmie cardiache, sono conseguenze di un’ansia di perfezione e di adattamento anche laddove non è necessario. Un filosofo francese, Fabrice Midal, uno dei più grandi esperti europei di meditazione, ci invita a calmarci, a tirare il freno e ad accettare per prima cosa noi stessi per come siamo. Al diavolo gli altri!! Il suo ultimo libro   «Lasciatevi in pace»  dice tutto già col solo titolo ma ciò non è bastato all’editore italiano (edizioni NewtonCompton) che ha deciso di pubblicarlo nel nostro Paese con una bella parolaccia nel mezzo «Sono tutte stronzate» .

Siate adatti a voi stessi non agli altri

Ma che cosa, esattamente, è “una stronzata”? Il nostro continuo cercare di essere adatti a come vogliono tutti gli altri. Il nostro essere calmi quando vorremmo urlare, essere saggi quando vorremmo fare casino, o al contrario essere pazzi per finta invece di fare i moderati! I messaggi del libro sono diretti: “Smettete di paragonarvi agli altri”, “Smettete di frenarvi”…  nel nome dell’accettazione del gruppo. Non diventerete migliori in questo modo, e presto o tardi gli altri capiranno che fingete. Alla fine, sarete derisi da loro e vivrete male con voi stessi. Meglio seguire la nostra strada … come siamo… e pazienza se quel tale gruppo non ci accetterà mai. Magari ne troveremo un altro in cui saremo invece dei leader proprio perché condividiamo lo stesso modo di fare.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Psicologia: ecco come “insegnare” le emozioni ai bimbi

  Brutto da dire, ma di questi tempi le emozioni “vanno insegnate”. Un tempo bastava ...

Condividi con un amico