Home » Benessere » Ecco come usare bene gli anti infiammatori

Ecco come usare bene gli anti infiammatori

Sono i medicinali più usati in Italia. E automaticamente anche i più “abusati”. Non abbiamo imparato nulla dalla lezione amara dei “superbatteri” che si sono nutriti dei nostri eccessi di farmaci, e noi italiani continuiamo a fare di testa nostra e a curarci senza il consiglio medico. In più, dato che gli anti infiammatori si comprano senza ricetta la gente fa le scorte come se non ci fosse un domani. Errore che si paga poi con la salute stessa.

I pro degli anti infiammatori

L’acido acetilsalicilico, il diclofenac, ibuprofene, ketoprofene, nimesulide … sono alla base della maggior parte dei farmaci che assumiamo per calmare il mal di testa, i dolori da ciclo, i raffreddori eccetera. Fanno bene, certamente, perché bloccano le proteine COX riducendo lo stato infiammatorio in pochi minuti e facendoci sentire bene all’istante. Ma bisogna stare attenti, perché questo “star bene” non significa che siamo guariti del tutto e i disturbi torneranno alla fine dell’effetto del medicinale. A quel punto dovremmo aspettare qualche ora, o qualche giorno, prima di assumere altre dosi.

I contro degli anti infiammatori

Oltre all’assuefazione del corpo, che porta alla fine il farmaco a non avere più alcun effetto benefico contro l’infiammazione, l’abuso di anti infiammatori può causare a lungo andare problemi cardiaci e perfino ictus. Non avviene nell’immediato ma nel lungo termine, perché l’anti infiammatorio agisce sulle pareti vascolari indebolendo le vene e impedendo la loro naturale dilatazione e restrizione. Per evitare questo rischio mortale, occorre usare gli anti infiammatori secondo dosaggio medico e per i periodi consigliati, mai oltre. E soprattutto non ascoltate mai gli amici o i vicini di casa che si improvvisano dottori con farmaci di cui capiscono poco e giocando pericolosamente con la vostra salute. Cosa, questa, che rimane valida con ogni tipo di farmaco al mondo.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Il costo pesante di chi non si cura

Quando ignoriamo un malanno, ci curiamo tardi o rifiutiamo di curarci spesso crediamo di risparmiare ...

Condividi con un amico