Home » Benessere » Tumori maschili: se il problema è l’igiene

Tumori maschili: se il problema è l’igiene

Così come per le donne, anche per gli uomini esistono dei tumori tipici che sono legati principalmente all’apparato riproduttivo maschile. Il tumore alla prostata e il tumore al testicolo su tutti. Proprio su questi due, tra i più diffusi e non solo nella popolazione anziana, stanno puntando gli studi dell’INT Milano, in una ricerca che non riguarda soltanto sintomi e avvisaglie preventive ma anche condizioni che possono evitare l’insorgere della malattia mesi o anni prima. Tra questi la buona igiene personale.

Educare alla salute fin da piccoli

I tumori maschili stanno aumentando in modo preoccupante soprattutto al Nord Italia, e stanno coinvolgendo sempre più giovani (persone di età inferiore ai 50 anni). Quali siano le cause esatte di questo aumento non si sa ancora di preciso, ma si può benissimo puntare il dito contro l’inquinamento e la cattiva educazione alla salute che purtroppo esiste in molte famiglie. Quando si parla di “educazione alla salute” non significa soltanto visite e controlli medici annuali, cosa che riguarda appena l’1% della popolazione, ma anche metodi di prevenzione quotidiana. Regole semplici e banali, ma spesso ignorate al punto che si scoprono tumori avanzati che potevano essere curati o asportati anni prima!

Igiene e controlli contro i tumori

Nel caso dei tumori ai testicoli e alla prostata, solo la prevenzione può eliminare il rischio di qualcosa i più grave. La prima regola è l’igiene intima. I maschietti, come le bambine, vanno educati fin da piccoli ad aver cura dei genitali, lavandoli bene, curandoli alle prime avvisaglie di irritazioni o pruriti. Vanno educati da adolescenti all’autopalpazione per riconoscere la forma delle ghiandole interne e capire al volo la presenza di eventuali anomalie. E vanno educati a fidarsi del proprio urologo, a fare visite annuali, a parlare senza vergogna. Perché un tumore come quello alla prostata, ad esempio, si può prevenire soltanto con la visita medica e con un ottimo rapporto col proprio dottore.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Sappiamo riconoscere il dolore? Proviamo a capirlo domani

Sappiamo riconoscere il dolore? Sappiamo valutarlo e utilizzarlo, se è il caso, a nostro vantaggio? ...

Condividi con un amico