Home » Benessere » Perché il tatuaggio non “cade” insieme alla pelle?

Perché il tatuaggio non “cade” insieme alla pelle?

Adesso vi spieghiamo perché quei tatuaggi meravigliosi che hanno star e calciatori … dragoni lunghi su per la schiena, sirene giganti che coprono il torace, fiori e frutta nelle braccia … sono peggio di una condanna a morte. Il tatuaggio, ribadiamo, di per sé non è dannoso. Nasce in fondo come una pratica molto naturale presso alcune tribù dell’Oceania e se rimane grande quanto una noce, o una mano, non disturba il nostro corpo più di tanto. Ma se diventa ossessione, se diventa una copertura totale … allora sì. Va temuto.

L’inchiostro passa da cellula a cellula

La scienza sta scoprendo nuove verità sulla vita degli inchiostri da tatuaggio. Una su tutte: come mai questi disegni non cadono, non si sfaldano, man mano che si sfalda in modo naturale la nostra pelle? Nel corso della vita anche noi “cambiamo pelle” come tutti gli animali. Come mai allora il tatuaggio rimane? Il problema -perché di problema si tratta- riguarda le cellule macrofagi. Queste sono le cosiddette “spazzine” che devono togliere le tossine dalla nostra pelle e quando intervengono sul posto tatuato non fanno altro che raccogliere l’inchiostro per eliminarlo. Ma non riescono a farlo perché queste sostanze entrano talmente in profondità nel loro nucleo che vengono “ereditate” dal macrofago di nuova generazione che segue quello vecchio.

Non si cancellano mai davvero

Insomma, gli inchiostri “si tramandano” tra i macrofagi e non vengono eliminati mai. Questo …se ripetuto in grandi quantità … può diventare un grosso problema per il corpo. Quelle sostanze possono rimanere in circolo e andare a ostacolare il lavoro dei macrofagi in altri settori, possono creare scompensi e alterazioni. Davvero si deve rischiare tutto questo per avere un dragone sulla schiena? La nuova ipotesi rivoluziona anche il processo di cancellazione del tatuaggio. Infatti, se fino ad oggi con diverse sedute laser il disegno si “diluiva” lasciando al posto un alone o una macchia, ora si dovrà ragionare in modo diverso. Come si elimina una sostanza che entra dentro le cellule? La ricerca dovrà dare risposte anche a chi con i tatuaggi ci lavora.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Enzima per caso … però “mangia” la plastica

Questi scienziati che letteralmente “giocano” con la materia, manipolandola e trasformandola a loro piacimento, diciamo ...

Condividi con un amico