Home » Casa » Ici sulla prima casa, possibile ritorno

Ici sulla prima casa, possibile ritorno

La rimozione della tassa Ici sulla prima casa, avvenuta nel 2008, fu uno dei motti dell’ultima campagna elettorale di Silvio Berlusconi. Da quel momento le casse dei comuni non hanno più incassato direttamente questi introiti dai proprietari degli immobili ma dallo Stato a titolo di compensazione. Adesso in questo periodo di tagli, decreti e correttive alla manovra finanziaria si paventa una possibile reintroduzione dell’Ici sulla prima casa, proposta avanzata anche dalla Banca d’Italia. Il non pagare questa tassa rappresenta per il nostro Paese un’anomalia rispetto al resto d’Europa, creando una sperequazione tra proprietari e chi sta in affitto, ha sottolineato Daniele Franco, capo della ricerca economica.

Reintrodurre l’Ici aumenterebbe ovviamente la pressione fiscale sui proprietari degli immobili, ma dall’altra parte consentirebbe di rimpolpare molte delle casse dei Comuni italiani che si trovano a secco da tempo, e costretti a tagliare su servizi e servizi alla cittadinanza. In una città come Pesaro ad esempio, in cui i nuclei familiari sono poco più di 30.000, si è stimato che il rincaro medio annuo a famiglia dovuto alla reintroduzione dell’Ici sarebbe di 179 euro, contro i quasi 5 milioni e mezzo di gettito in più per le casse del Comune.

admin

1 Commento

  1. Gentile a preoccuparsi delle case dei comuni, ma questi potrebbero anche sprecare di meno.

    Anche con l’ICI quelli che hanno problemi adesso li avrebbero anche in seguito, soltanto che il giro di sprechi aumenterebbe.

x

Guarda anche

Imu, nel 2012 gli imprenditori hanno pagato 9,3 miliardi

Il passaggio da Ici a Imu non è stato privo di conseguenze per gli italiani ...

Condividi con un amico