Home » Casa » Affittare agli studenti universitari

Affittare agli studenti universitari

Affittare stanze agli studenti universitari è oggi un vero business, ma bisogna rispettare delle regole. Innanzitutto un contratto regolarmente registrato. Il contratto deve essere sempre registrato, perché lo prevede espressamente la legge, in caso contrario potrebbe essere considerato nullo. Inoltre, per avere diritto alle agevolazioni fiscali, il contratto deve essere registrato o rinnovato in base alla Legge sulle locazioni (431/98).

E’ conveniente utilizzare il contratto specifico per studenti Universitari (durata da 6 a 36 mesi rinnovabili automaticamente con canone concordato a livello locale). In molti preferiscono stipulare contratti transitori, perché il canone non è stabilito sulla base degli Accordi territoriali, ma di fatto è libero, con la durata minima di 1 e la massima di 18 mesi, e nessun rinnovo automatico.

I Proprietari che affittano a studenti Universitari fuori sede, con un contratto a canone concordato possono disporre di un ulteriore sconto del 30% sul canone da dichiarare ai fini Irpef, oppure beneficiare di una aliquota inferiore (19% invece del 21%).

Molti Comuni prevedono un’aliquota Ici (ora Imu) più bassa per chi affitta agli studenti.

admin

x

Guarda anche

IMU: ecco chi non deve pagare

Scade il 18 dicembre il termine per saldare la tassa IMU sulla prima casa. Come ...

Condividi con un amico