Home » Casa » Immobiliare: crisi lungo le rive del Po (ma in montagna non va meglio)

Immobiliare: crisi lungo le rive del Po (ma in montagna non va meglio)

La crisi si fa sentire sempre più, e il ramo immobiliare non ne viene esentato. Sono in calo tutti i parametri del mercato delle case, da sud a nord e in particolar modo in Piemonte, in tutta la regione. Sulle rive del grande fiume Po il mercato immobiliare fa effettivamente registrare qualche segnale positivo, soprattutto tra Torino, Novara e Alessandria ma nonostante ciò la svolta non arriva. Non si ha quel cambiamento radicale che possa far ben sperare nella ripresa delle compravendite come dieci anni fa.

E’ il calo dei prezzi degli immobili che stimola positivamente alcune città, ma nell’insieme siamo ancora lontani dalla soluzione. Torino, pur registrando questa lieve ripresa, segna sempre i prezzi più elevati per appartamenti, ville e botteghe, seguita da Cuneo, Verbania e Asti. Meglio invece la situazione di Biella, dove i valori sono più bassi e incoraggiano una riattivazione del mercato. Ma se in pianura le cose sono difficili, in montagna non stanno certo meglio. In forte calo anche i parametri di domanda e offerta per le zone alpine, partendo dallo stesso Piemonte fino al Trentino Alto Adige.

Secondo Tecnocasa le località turistiche montane fanno registrare un calo del 2,8% (che in alcune zone sfiora il 3,8%). L’unica soluzione che ancora resiste è l’antico cascinale da ristrutturare: baite, capanne, rifugi alpini attirano molto il cliente che, quando può, li compra in stato di abbandono per pochi euro e provvede a restaurarli nel tempo. Anche la Valle d’Aosta fa segnare dati da crisi, con pochissimi proprietari italiani e quasi nessuno straniero. Le quotazioni immobiliari delle località turistiche della Valle d’Ayas, per fare un esempio, sono intorno al 4,4% con le seguenti variazioni: Brusson (-2,9%), Antagnod (-2,5%) e Champoluc (-5,7%).

admin

x

Guarda anche

In Liguria e Trentino si costruisce col crowdfunding

Sapete cosa vuol dire “crowdfunding”? Letteralmente, “fondi dalla folla”, ovvero raccolta fondi. Nella smania esterofila ...

Condividi con un amico