Home » Casa » Nel 2014 si riducono a tre le aliquote della IPR

Nel 2014 si riducono a tre le aliquote della IPR

Il 2014 sarà l’anno della ripresa per le compravendite immobiliari? Si spera di sì, e si spera soprattutto in una rivoluzione fiscale che possa favorire il riavvicinamento dei cittadini a questo mercato. Le previsioni ci sono tutte: dal Capodanno, infatti, le aliquote dell’IPR (imposta proporzionale di registro) si riducono a tre: quella ordinaria (9%), quella ridotta (2%) per la prima casa e quella maggiorata del 12% per quanto riguarda le proprietà agricole acquistate da persone che non le lavorano.

Se vorrete vendere la vostra prima casa imponibile a Iva (aliquota 4%), con l’anno nuovo le imposte di registro ipotecale e catastale saliranno a 200 euro ciascuna.Per la vendita di una prima casa esente da Iva invece l’imposta di registro passa da un minimo di 168€ ad un minimo di 1.000€, con le imposte catastali e ipotecaria che scendono anche queste (fino a 50 euro l’una). Per quanto riguarda le altre abitazioni imponibili a Iva (aliquota 10 o 22%), le tre imposte saliranno da 168€ a 200€.

Secondo i dati forniti dai siti esperti nel settore, apprendiamo che per la vendita di altre abitazioni esenti o fuori campo Iva, l’imposta di registro passa dal 7% al 9% mentre quelle ipotecaria e catastale avranno un valore fisso di 50€ ciascuna. Salirà invece l’imposta per la vendita dei fabbricati strutturali mentre i fabbricati venduti da non soggetti Iva avranno un imposta di registro maggiorata dal 7 al 9% che però verrà associata alle altre imposte ipotecaria e catastale, che avranno comunque un valore fisso di 50€ ciascuna.

admin

x

Guarda anche

Torre Brizzi nascerà a New York

Se sei un gruppo imprenditoriale giovane e dinamico, già tanto apprezzato da aver avuto incarico ...

Condividi con un amico