Home » Casa » Alla scoperta di un "trullo" del XXI secolo

Alla scoperta di un "trullo" del XXI secolo

Li vediamo sempre nei film, nelle cartoline, nei documentari e ce lo siamo chiesti tutti, almeno una volta, cosa si prova. Cosa si prova a vivere dentro un “trullo”? La tipica abitazione di campagna pugliese, famosa per il paese di Alberobello che le conserva intatte da anni, è affascinante con quella forma rotonda, bianchissima, e con quel tetto a cono rovesciato con le tegole scure. Ma dentro come sarà?

Un tempo forse ospitavano solo qualche tavolo e dei vecchi letti imbottiti di paglia, ma oggi, nel XXI secolo, anche dentro un “trullo” troviamo stile e fantasia. Un esempio è il “trullo” della famiglia Affatato, imprenditori di Monopoli, che hanno deciso di restaurare una di queste antiche case. E se l’esterno rimane identico a prima, uguale a tutti gli altri “trulli”, dentro gli spazi sono un tutt’uno pur rimanendo divisi. Infatti, modernissime porte scorrevoli di vetro separano ingresso, zona giorno e zona notte senza impedire all’occhio di godere il “trullo” nel suo insieme.
Gli arredi sono molto rustici, con prevalenza di legno e suppellettili antiche. Piccolo e intimo il bagno, che all’occorrenza viene chiuso da una porta ermetica e diventa (tutto quanto) box doccia! Mentre la stanza da letto padronale è ricca di colori e geometrie un po’ peruviane e un po’ mediterranee. I pavimenti riprendono il colore delle pietre del tetto e contrastano, così scuri, con il bianco candido e luminoso delle pareti e degli angoli ricavati come scaffalature o perfino come armadi. La ristrutturazione del “trullo” è stata curata dallo studio “Talent” di Ostuni, guidato dall’architetto Cardone.

admin

x

Guarda anche

Pareti scorrevoli: la soluzione salvaspazio

Le pareti scorrevoli sono l’ultima moda nell’ambito delle soluzioni salvaspazio, in particolare per le case ...

Condividi con un amico