Home » Casa » Tra le “nuvole del benessere” in Val di Fassa

Tra le “nuvole del benessere” in Val di Fassa

Una casa a 2000 metri, lontana da tutto e tutti? E’ una idea che hanno avuto in molti, come ad esempio lo scrittore Paolo Cognetti che vi abita tutto l’anno. Altri se la possono permettere solo per qualche mese o per pochi giorni… ma è un’esperienza. Un’esperienza che diventa ancora più emozionante se vissuta in una baita di montagna divenuta OPERA D’ARTE. Succede in Italia, in Val di Fassa, dove lo stabilimento termale QC Terme Dolomiti ha ideato per i propri ospiti le “baite tra le nuvole”.

Una baita tra le nuvole

L’installazione-stanza si chiama “Nuvola del Benessere” opera dell’artista  Roberto Duclos su progetto di Mao Fusina e Alessandro Bolis . Si tratta di una casetta per due, una stanza d’albergo separata dall’albergo secondo le nuove teorie di accoglienza moderne che vedono molto spesso l’hotel “sparso” sul territorio. La mini baita è formata per tre quarti da caldo legno, lavorato poco per lasciare quell’aura di “grezzo” che fa tanto montagna, e una parte è completamente aperta a vetrate per accogliere la luce e far godere agli ospiti il panorama. Ma non è tutto. La baita è completata da lampioni esterni a forma di nuvole che di giorno danno la sensazione della nebbia e di notte, accendendosi, vi fanno sentire davvero “tra le nubi”.

Dormire gratis tra le nuvole

L’interno della baita è arredato con gusto ma con estrema semplicità, con mobili di legno chiaro e tessuti e tappeti bianchi che non vi facciano mai dimenticare a che quota vi trovate! Le ditte di arredamento che hanno contribuito a creare questo sogno sono “Lago”, “Tempur” e per tendaggi e tessuti “Frette”. Questa magnifica esperienza si potrà fare per tutto l’inverno ma solo  fino al 20 dicembre 2017, la “Nuvola del Benessere” permette di prenotare un soggiorno gratuito di una notte (basta andare sul sito apposito e informarsi) . Alle baite di QC Terme è associato anche un concorso fotografico ( “La mia nuvola” ) che permetterà di vincere una vacanza presso la struttura e chissà… anche la possibilità di alloggiare presso questa baita!

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Un “nido bianco” sul Naviglio

L’architetto Cesare Galligani dello studio Planair di Milano, quando ha pensato a come restaurare questo piccolissimo ...

Condividi con un amico