Home » Casa » Mini mansarde in centro storico. Lo spazio conquistato

Mini mansarde in centro storico. Lo spazio conquistato

In una metropoli come Milano si sa che lo spazio conta. Eccome! Soprattutto per trovare alloggi per tutti, e sono tanti quelli che confluiscono in una città che offre occasioni di vita così diverse. In un grande palazzo antico del centro storico, ad esempio, si è scelto di riadattare gli ex “alloggi della servitù” in mini appartamenti per chi vive una vita mordi e fuggi, magari da single e da gran lavoratore.

Tanto spazio in mini mansarde

Ed ecco che gli ex alloggi sono stati divisi in mini mansarde, da 16 a 30 mq, minuscoli “nidi” in cima ai tetti che guardano la città, dentro i quali ogni centimetro di spazio va pensato e usato ad arte. Prima cosa, usare colori chiari ovunque, con il bianco e il grigio e il beige che aumentano i volumi dando l’impressione di uno spazio interno che non c’è! In secondo luogo, moltiplicare la luce naturale, con l’uso di specchi e vetrate riflettenti. Terzo, usare al meglio anche i punti luce in modo da rendere visibili angoli altrimenti inutilizzati. E ancora… la stanza principale deve essere per forza di cose open-space, dato il poco metraggio, per cui i mobili devono essere multifunzione, magari su ruote, o con pannelli scorrevoli o rimovibili. In altezza, dove è permesso, usare lo spazio in più per ricavare un angolo notte, o una zona studio, con la scala che vi accede che diventa possibilmente un “separé” tra gli ambienti in basso. L’unica stanza divisa dal resto sarà il bagno e anche qui lo spazio va pensato bene, ovvero nella parte più bassa dello spiovente, con punto luce in alto e piastrelle bianche lucide per riflettere le luci, diurne e notturne. Gli spazi per gli accessori sono ricavati da “buchi” nel muro, e l’appoggio sotto il lavandino non sarà il solito mobiletto porta asciugmani ma… una mini lavatrice, per dare spazio anche alla lavanderia formato mignon! Come dire di no a queste piccole meraviglie nate dalla fantasia e abilità di architetti che nella città sono cresciuti e si sono nutriti?

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Metti la casa su Facebook

Cosa fai se sei un architetto giovane, intelligente, vivace e pieno di idee strane e ...

Condividi con un amico