Home » Casa » Case nel mondo 3: le ville di bambù del Ruanda

Case nel mondo 3: le ville di bambù del Ruanda

La cultura africana, da sempre inserita nella natura e di essa pronta a far uso per ogni esigenza, ha sempre visto l’abitazione umana come parte di un bosco, di un deserto, di una roccia, di un fiume. L’uomo deve sparire dentro la natura, non spogliarla per imporsi su di essa. Ed ecco perché quelle capanne di fango, di paglia, di bambù che a noi fanno tanta impressione per gli africani sono “casa” più che ogni altra cosa al mondo.

Un lodge di case tradizionali in Ruanda

In Ruanda, la tradizione vuole che le case siano costruite in bambù e paglia, le più “ricche” anche in legno, e che siano di forma morbida, rotonde, così da confondersi meglio con la foresta intorno. Ne ha approfittato l’architetto Garreth Kriel, quando gli è stato chiesto di elaborare il progetto per la struttura turistica Bisate Lodge -situata dentro un vecchio cono vulcanico con vista panoramica sugli altri coni del Parco Nazionale dei Vulcani di Ruanda. Con in mente ben chiara la tradizione edilizia del posto, ha creato sei villette in bambù e legno, di forma sferica oppure ellittica, con fondamenta e arredi in roccia vulcanica e l’aggiunta del papiro a dare un tocco sofisticato in più.

Comodità e bellezza in stile africano

Di norma le casette ruandesi hanno un solo grande ambiente da condividere tra uomini e animali, ma queste villette sono “tres chic” e comprendono ogni comodità di sorta, rimanendo comunque nella struttura originaria del posto. Gli interni sono stati decorati da artisti locali, tra cui Teta Isibo, con le sue stampe e i contrasti tra colori tenui e accesi che fanno molto “safari”. Un safari vero potrete farlo affidandovi alle guide del Lodge, che potrebbero portarvi anche a scoprire i gorilla e i loro ambienti, stuzzicandoli da molto vicino! E la sera, oltre i vostri soffitti che profumano di bambù, ascolterete i richiami della foresta e dei tamburi tradizionali.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Guarda anche

Casa nel mondo 2: il mistero dei Trulli

Le simpatiche casette pugliesi che hanno reso Alberobello famosa nel mondo sono un piccolo mistero ...

Condividi con un amico