Home » Casa » Cemento brutale dentro casa

Cemento brutale dentro casa

La moda “brutal” è quello stile che vede il cemento come elemento protagonista di molte nuove case. Non solo come struttura che regge la costruzione ma anche come arredo, decorazione, parte integrante del vissuto di una abitazione. Lo sa benissimo l’artista Goshka Macuga che, per la sua casa in East London, a Londra, ha stabilito la propria residenza in una casa-opera d’arte appunto in stile brutal.

La brutale semplicità del cemento

L’arte di Macuga è originale, futurista, unica … così doveva essere anche il suo “rifugio”. Già dall’ingresso ci si sente dentro un museo, con lo spazio espositivo pronto a ospitare opere di ogni tipo sebbene lasciato vuoto per completare l’atmosfera brutale. La casa infatti fungerà anche da galleria, a tempo debito. Progettata dallo studio Matheson Whiteley, gli interni sono dominati da queste colate di cemento lasciate grezze, spoglie, semplici, nude. Cemento nella scalinata che va al piano di sopra, cemento in cucina, cemento nelle sculture … e poi un arredamento che si adatta a questa “voglia di povertà” a tutti i costi. La luce completa l’opera di arredo grazie alle ampie vetrate e ai neon lunghissimi sistemati sul soffitto. La cucina, che si apre accanto al salotto, è anch’essa essenziale e lineare, come il cemento. Lo stesso nelle camere da letto, dove la luce gioca col cemento cambiandogli il colore, mentre in altri punti è dipinto di bianco. La regola delle case come questa, in tutto il mondo, è che l’impatto visivo sia ruvido, brutale, come se fossero fabbriche dismesse, cantieri incompleti. Non per esaltare la bruttezza ma la forza e la semplicità di un luogo che deve farci riscoprire il bello della vita.

Grazia Musumeci

Sicilianissima, vivo ai piedi dell'Etna e lavoro dal 1999 sia come traduttrice che come blogger. Le mie passioni, oltre la scrittura, sono la fotografia e la montagna.
x

Guarda anche

Una villetta in due: pro e contro della “bifamiliare”

Gli inglesi ne hanno fatto un culto. Uno stile diffuso e intoccabile. La villetta “bifamiliare” ...

Condividi con un amico