Home » Cinema » Fine di un’era: dopo la cacciata di Emilio Fede dal Tg4, niente più meteorine nè Sipario

Fine di un’era: dopo la cacciata di Emilio Fede dal Tg4, niente più meteorine nè Sipario

L’era di Emilio Fede al Tg4 e probabilmente a Mediaset è disonorevolmente terminata pochi giorni fa a causa della ormai arcinota questione dei soldi che voleva depositare in una banca svizzera che i funzionari hanno però rifiutato (due milioni e mezzo di euro, mica bruscolini)… A quanto pare a Rete 4 hanno deciso proprio di dare un taglio col passato fediano…

Ieri infatti, nella edizione delle 18.55 del nuovo Tg4 diretto da Giovanni Toti, non c’è stato alcuno spazio per le cosiddette meteorine, le ragazze di bella presenza che ‘conducevano’ le previsioni del meteo (ultime in ordine cronologico: Francesca Leto e Gabriela Grechi), elemento di spicco del telegiornale di Emilio Fede da ormai 10 anni: la prima fu la Miss Italia Eleonora Pedron.

Ma non solo le meteorine sono state cancellate con un colpo di spugna da Giovanni Toti: via anche la cronaca rosa di Sipario, l’ ‘approfondimento’ mondano che andava in onda subito dopo il Tg4!

Questo ultima decisione del sostituto di Emilio Fede ha scatenato la protesta della redazione dello stesso telegiornale di Rete 4, che in una nota così afferma:

«Giudichiamo negativamente la decisione del direttore Giovanni Toti di chiudere la rubrica di spettacolo Sipario, in onda da 12 anni, con una media di un milione e 200 mila spettatori al giorno. Ci saremmo aspettati una decisione del genere  eventualmente  all’interno di un piano editoriale più complessivo, e non una soppressione in gran fretta. Una scelta che mortifica le professionalità interne della testata, con un’unica motivazione: le rubriche, in generale, non sono gradite…Così come ci ha sorpreso la decisione di cambiare da oggi stesso un turno di conduzione del tg del mattino, comunicata al collega interessato due ore prima della messa in onda durante la riunione di scaletta. Noi siamo pronti a qualsiasi cambiamento utile alla testata, ma gentilmente pretendiamo un piano editoriale e di lavoro, così come prevede il contratto nazionale, sul quale la redazione potrà esprimere l’eventuale voto di gradimento».

Intanto si apprende che Emilio Fede ha ricevuto un invito a comparire in procura in merito alle indagini sul fallimento della società di Lele Mora, per il quale deve rispondere di concorso in bancarotta fraudolenta.

Christian Citton

x

Guarda anche

50 sfumature di grigio su Canale 5: il no del Moige

A rischio la messa in onda di 50 sfumature di grigio su Canale 5. A ...

Condividi con un amico