Home » Ecologia » A rischio alcune produzioni simbolo del made in Italy

A rischio alcune produzioni simbolo del made in Italy

Il direttore dell’Agenzia europea dell’Ambiente, Jacqueline McGlade, durante la presentazione della relazione 2010 a Bruxelles, ha invitato i governi a fare qualcosa per tutelare la biodiversità, il suolo, i fiumi, i mari e l’aria, visto che le risorse che la natura ci mette a disposizione non sono infinite.

Dai dati contenuti nel documento si può osservare che se nulla sarà fatto ad essere a rischio sono anche alcune produzioni simbolo del made in Italy, come olio e vino, che ogni giorno a causa dei cambiamenti climatici potrebbero subire dei grossi danni.

Al riguardo, McGlade ha spiegato: ‘olivi, vini, lavanda sono colture con un una pressione crescente e dovremmo anche considerare che alcune produzioni doc non potranno più crescere localmente. La dimostrazione arriva dalla regione vinicola della Rioja, nel Nord della Spagna. Qui l’uso crescente di livelli di alcol di pari passo con i cambiamenti climatici, in breve tempo porterà un vino corposo a diventare semplicemente troppo alcolico’.

L’area più colpita da questi cambiamenti è quella del Mediterraneo, infatti, nel 2080 d’estate si potrà assistere addirittura ad un aumento di sette gradi rispetto alla norma, mentre le giornate oltre i 40 gradi raddoppieranno, ma questi non saranno gli unici fenomeni negativi, per l’appunto, l’Europa dovrà anche affrontare un aumento degli alluvioni.

Nel commentare tutto ciò, il presidente del Parlamento europeo, Jerzy Buzek, ha dichiarato: ‘il rapporto ha un tempismo perfetto, perchè è in concomitanza con la conferenza Onu sul clima, a Cancun. Questo lavoro evidenzia per l’Europa l’opportunità di una transizione ad un’economia verde, non solo per la gestione delle risorse, ma per diventare più competitivi a livello globale’.

Daniela Amitrano

x

Guarda anche

Ecco come cambia la coltivazione della vite

Ci eravamo già stupiti quando abbiamo visto crescere bene l’ulivo sulle Alpi, o quando le ...

Condividi con un amico