Home » Ecologia » Primo impianto al mondo di bioetanolo di seconda generazione nel Crescentino

Primo impianto al mondo di bioetanolo di seconda generazione nel Crescentino

La realizzazione del primo impianto al mondo per la produzione di biocarburante di seconda generazione nel Crescentino, che entrerà in funzione tra giugno e luglio 2012, renderà sicuramente molto orgogliosi gli italiani, visto che grazie a quest’ultimo ogni anno sarà possibile ottenere circa 50 mila tonnellate di bioetanolo.

Inoltre, un altro aspetto molto importante di questo meraviglioso impianto, frutto delle ricerche del gruppo Mossi & Ghisolfi, multinazionale chimica di Tortona (Alessandria), è quello di essere in grado di produrre biocarburante anche da materie prime che non entrano nel ciclo alimentare, come gli scarti della produzione agricola, oltre che da piante non commestibili.

Veramente un’ottima notizia, dal momento che così si potrà offrire agli automobilisti italiani una valida alternativa, molto più conveniente, della sempre più cara benzina, tutto ciò contribuendo anche a rispettare di più l’ambiente.

admin

x

Guarda anche

Il Sud Africa studia carburanti alternativi derivati dal tabacco

Per mantenere la promessa di riduzione di CO2 del 34% entro il 2020, la South ...

Condividi con un amico