Home » Ecologia » Energia: possibile un rinascimento nucleare

Energia: possibile un rinascimento nucleare

L’incidente alla centrale nucleare di Fukushima, avvenuto l’11 marzo scorso in Giappone a causa del devastante terremoto/tsunami, sebbene sia riuscito a scuotere nel profondo molti paesi, che hanno deciso di rinunciare al nucleare, al contempo, sembra non aver avuto nessun effetto su altri, tanto che, secondo l’università di Greenwich, potrebbe essere possibile un ‘rinascimento nucleare’.

Infatti, nonostante nel biennio 2011-2012 solo due reattori sono entrati in fase di esecuzione in tutto il mondo, contro i 38 del triennio 2008-2010, basta osservare le tabelle della World Nuclear Association per rendersi conto che il nucleare è ancora forte, al contrario di come molti pensano, visto che, oltre ai 435 reattori operativi nel mondo, ci sono 60 in costruzione, 163 già ordinati o pianificati e 329 proposti e in attesa di autorizzazione in 45 paesi.

Un’espansione questa trainata da alcuni paesi, come Asia, India, Cina e nazioni emergenti, che vedono nel nucleare una risorsa energetica troppo preziosa da sprecare, malgrado i numerosi rischi che può comportare.

admin

x

Guarda anche

Terremoto: trema a sorpresa la Svizzera

Se le Alpi sono così alte e belle lo devono a spinte della Terra che ...

Condividi con un amico