Home » Ecologia » WWF, la centrale Tirreno Power di Vado Ligure non deve riaprire i gruppi a carbone

WWF, la centrale Tirreno Power di Vado Ligure non deve riaprire i gruppi a carbone

WWF, all’indomani della chiusura dei due gruppi a carbone della Tirreno Power di Vado Ligure, disposta dal gip Fiorenza Giorgi su richiesta della procura Savona, che ha aperto due filoni di inchiesta sull’attività della centrale, uno per disastro ambientale e un altro per omicidio colposo, ha ribadito ancora una volta la sua ferma opposizione a tale combustibile fossile.

Infatti, il carbone è uno dei combustibili fossili più inquinanti, che rischia di mettere in serio pericolo la vita e la salute delle persone, basti pensare solo che la procura di Savona stima che le emissioni prodotte dalla centrale Tirreno Power abbiano causato ben 442 morti tra il 2000 e il 2007 e tra i 1700 e i 2000 ricoveri di adulti e 450 di bambini tra il 2005 e il 2012.

Sempre al riguardo, Mariagrazia Midulla, responsabile Clima ed Energia del WWF Italia, ha sottolineato: ‘il nostro Paese ha una sovraccapacità di produzione di energia elettrica che non solo le permette, ma impone di cominciare a chiudere le centrali più inquinanti. invitiamo dunque l’azienda a prendere atto che la centrale di Vado Ligure è indifendibile, e a non riaprire i gruppi a carbone. Questa è l’occasione per pensare alla riconversione dei posti di lavoro verso l’efficienza energetica e le rinnovabili’.

admin

x

Guarda anche

Rispettare l’ambiente anche curando le ferite. Ecco come

Alzi la mano chi non ama l’acqua ossigenata! L’adorano tutti, perché contrariamente all’alcool disinfettante non ...

Condividi con un amico