Home » Ecologia » Fiat rischia di raggiungere in ritardo il target Ue di Co2

Fiat rischia di raggiungere in ritardo il target Ue di Co2

Fiat rischia di non riuscire a raggiungere entro il termine prestabilito, ovvero il 2021, il suo target Ue di taglio delle emissioni di Co2 dei veicoli, è quanto rivela l’ultimo rapporto di Transport & Environment, realizzato sulla base dei progressi fatti negli ultimi 6 anni nella produzione di mezzi a minore impatto e consumi più efficienti.

Infatti, quest’ultimo rivela che, sebbene 5 costruttori europei su 7 saranno in grado di centrare il proprio target entro il 2021 perché sulla giusta strada, Fiat potrebbe riuscire a raggiungere, data l’attuale situazione, il suo obiettivo di 87,8 grammi di Co2 per km con un anno in ritardo (2022), come anche Bmw, il cui ritardo potrebbe addirittura essere di 3 anni (2024).

Secondo i dati del rapporto, le case costruttrici che raggiungeranno per prime il traguardo saranno Volvo, Toyota, Peugeot-Citroen, Renault, Ford e Daimler, seguite da Volkswagen e Nissan che rispetteranno la scadenza del 2021.

admin

x

Guarda anche

Il buco nell’Ozono si sta richiudendo

Il primo “avvistamento” del buco nell’Ozonosfera risale agli anni Cinquanta del secolo scorso. Inizialmente non ...

Condividi con un amico