Home » Ecologia » Legambiente: i laghi del Nord Italia inquinati da fogne e attività industriali

Legambiente: i laghi del Nord Italia inquinati da fogne e attività industriali

Notizie negative sono arrivate dall’ultimo monitoraggio dei laghi italiani realizzato da Legambiente, COOU (Consorzio Obbligatorio di Usati) e Nouvamont. Infatti, attraverso undici tappe svolte in dieci regioni d’Italia con le quali sono stati analizzati campioni d’acqua di dodici laghi, è venuto fuori che su 101 provette prese in esame, 62 presentavano una grande concentrazione di batteri fecali. Tra i laghi più inquinati troviamo i bacini della Lombardia e, a detta di Legambiente, la causa di questo problema è da ricollegarsi gli scarichi fognari, alla cementificazione delle coste, attività agricole ed industriali.

Nonostante questo, però, non mancano dati più incoraggianti, come quelli ricavati dall’analisi di alcuni laghi del Centro-Sud quali il Pontani di Lentini e il Gelsari, entrambi in Sicilia; il lago di Porta in Toscana e quello di Vico nel Lazio, che hanno risposto con successo a questi esami.

Riguardo i controlli sulle acque dei bacini, Rossella Muroni, direttrice nazionale di Legambiente, tiene a ribadire l’impegno preso per la loro salvaguardia, affermando che i laghi italiani rappresentano un elemento fondamentale per il turismo verde e, quindi, per l’economia del Paese.

admin

x

Guarda anche

Pneumatici riciclati nella stalla

La scoperta del riciclo dei materiali inquinanti sta aprendo nuove prospettive in diversi settori. Decine ...

Condividi con un amico