Home » Ecologia » Nel 2014 l’Ilva di Taranto ha prodotto il 99,4% degli Ipa

Nel 2014 l’Ilva di Taranto ha prodotto il 99,4% degli Ipa

Il presidente di Pacelink Taranto, Alessandro Marescotti, ha presentato uno studio sugli Ipa (idrocarburi policlinici inquinanti, tra i più dannosi per la nostra Terra) con il quale si è appreso che nel 2014 l’Ilva di Taranto ha prodotto il 99,4% di questi agenti.

Oltre a questo, sempre Marescotti ha ricordato di una vecchia mail che Girolamo Archinà, ex responsabile delle relazioni istituzionali del Siderurgico, avrebbe inviato, nel giugno 2010, all’ex patron dell’Ilva Emilio Riva, nella quale quest’ultimo sosteneva che il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, avrebbe riferito: “Così com’è, l’Arpa Puglia può anche andare a casa, perché hanno rotto”, riferendosi al modello di calcolo dell’Azienda regionale di protezione ambientale, usato anche da Pacelink, sulla valutazione delle emissioni di Ipa. Quindi, a detta di Marescotti, in questo modo si era toccato all’epoca un tassello delicato e sconveniente.

È lo stesso presidente di Pacelink a gettare ancora dubbi sugli ultimi dati Ipa dell’Ilva, che ora presentano valori di 22 ng per metro cubo, per cui la Cokeria risulterebbe improvvisamente meno inquinata del quartire Tambuti, che ne produce 28. A suo dire, quindi, questi dati sono poco attendibili.

admin

x

Guarda anche

La discoteca “vegetale” di Tokyo… fa bene alle piante?

E’ l’idea nata da una start-up della capitale giapponese, la Midtown Design Touch, che ha ...

Condividi con un amico