Home » Ecologia » Nuove idee ecologiche per la casa

Nuove idee ecologiche per la casa

Un sistema di condizionamento e di refrigeramento della casa basato del tutto sulla natura, sulla sua riproduzione libera, su sistemi di crescita che nulla hanno di artificiale… tranne forse la struttura dentro la quale vengono inserite. L’idea è venuta a uno studio di architettura di Torino, diretto da Cesare Griffa, in collaborazione con l’Università di Firenze.

Si tratta di inserire delle micro alghe dentro i materiali di facciata di un edificio. Una sorta di coltura in verticale, con le pareti che diventano una sorta di acquario tubolare, dentro le quali micro organismi e piantine marine si riproducono e crescono con il doppio ruolo di purificare l’aria e di mantenere fresche le pareti della casa. Nell’insieme, queste colture possono anche diventare biomassa da riutilizzare in futuro per altri scopi edili. L’applicazione delle colture di alghe nell’edilizia finora era stata sperimentata solo in Germania, ad Amburgo.
Lo studio torinese ha ripreso l’idea, l’ha modificata con l’apporto degli esperti fiorentini, e ora sta testando il prodotto. Applicare le alghe per la copertura di pareti o tetti di edifici e siti produttivi permette di mantenere le temperature interne dei fabbricati, di risparmiare in condizionatori, ma allo stesso tempo offre l’opportunità di vedere come reagiscono certi micro organismi in alcune situazioni particolari di vita. Agricoltura e scienza possono essere molto interessate, nel progetto, ma come detto prima anche l’edilizia può ricavarne nuove idee nel rispetto dell’ambiente.

admin

x

Guarda anche

Il Sahara ci dimostra il rischio che corriamo

Siamo abituati a considerarlo una macchia gialla sulla mappa, uno dei più grandi deserti del ...

Condividi con un amico