Home » Ecologia » Nelle Marche, la discarica controllata… dalle api!

Nelle Marche, la discarica controllata… dalle api!

“Dal letame nascono i fior…” cantava Fabrizio De André e mai frase si adatta di più a quel che è successo nelle Marche lo scorso sabato, 20 giugno. Presso Moie di Maiolati Spontini, è stata aperta la prima “Oasi della Biodiversità” situata all’interno di un ex territorio usato come discarica!

Un tempo riempito di spazzatura, poi usato per lo smaltimento e il riciclo rifiuti, il terreno era divenuto parte di un progetto di riqualificazione di alcune zone altrimenti destinate all’abbandono e al degrado. Per prima cosa, dunque, è stato ridotto di moltissimo e in alcune sue parti anche cancellato il lavoro della discarica presente, poi tutto intorno il terreno è stato reimboscato (una copertura vegetale di 13.956 piante autoctone e due arnie per le api!) e infine la sorveglianza continua degli enti preposti affinché tutto venga rispettato anche a inaugurazione avvenuta.

La zona sarà usata anche come percorso didattico per le scuole e per insegnare cose che non tutti sanno. Ad esempio, il perché si sono scelte proprio le api per il ripopolamento del bosco. Le api subiscono fortemente l’inquinamento da metalli e radionuclidi. Se cominceranno a morire in numero troppo crescente significa che qualcosa non funziona più come dovrebbe e si fermerà tutto per i controlli. Se vivranno senza problemi significa che … si può fare. Discariche controllate e ambiente possono anche convivere, nel rispetto di determinate leggi.

admin

x

Guarda anche

Gravidanza: smog minaccia longevità nascituro

L’esposizione allo smog in gravidanza mette a rischio la speranza di vita del nascituro.  A ...

Condividi con un amico