Home » Ecologia » Minicellule fotovoltaiche prodotte dalla stampante

Minicellule fotovoltaiche prodotte dalla stampante

Forse saranno le cellule fotovoltaiche più piccole al mondo, almeno per ora, ma non è questa l’eccezionalità. Il fatto è che si tratta di elementi fabbricati, prodotti da una normalissima stampante, come se fossero pagine di una rivista. Rotative di stampa, insomma, che fanno nascere energia pulita invece che gossip!

Lo chiamano SOLAR PRINT, e l’idea è nata in Italia dal ricercatore Marco Carvelli del Center for Nano Science and Technology di Milano e fondatore, con alcuni colleghi, della startup Ribes Technologies. Il piccolo pannello fotovoltaico viene realizzato con inchiostro di polimeri “farcito” di nanoparticelle di argento (ma anche di altri conduttori) che possono catturare la luce e trasformarla in minuscole cariche di elettricità. Senza alcuno spreco, consumo o inquinante.
Invece del silicio, che ormai è anima di molte delle nostre nanotecnologie, qui abbiamo un materiale biodegradabile flessibile, leggero e assolutamente “green”. Il pannello viene stampato letteralmente con lo stesso processo con cui si stampano i giornali, usando questo inchiostro speciale, e il risultato è un nastro sottilissimo che però può raggiungere lunghezze tali da avvolgere un edificio intero. Abbattimento dei costi e dell’impatto ambientale garantito al cento per cento.

admin

x

Guarda anche

Ecoturismo: ecco le mete “OSCAR” per il 2018

Ecoturismo è il nuovo modo di fare vacanza. Una vacanza che tiene conto non solo ...

Condividi con un amico